Prof.ssa

PINO Olimpia

Professore di II fascia
Settore scientifico disciplinare
PSICOLOGIA GENERALE (M-PSI/01)
  • Curriculum Vitae
  • Insegnamenti
  • Incarichi
  • Ricerca

Olimpia Pino è stata assegnista di Psicologia dello sviluppo (M-PSI / 04, E11) presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell'Università degli Studi di Palermo. È rimasta a Palermo fino a quando è entrata a far parte dell'Università di Parma nel 1999. Nel 2000 è stata nominata Professore Associato di Psicologia (M-PSI / 01, E11) presso l'Università di Parma, e ha ricoperto il ruolo di Presidente del Master in Psicologia delle emergenze e traumatologia nel 2005. Attualmente Professore Associato di Riabilitazione della Memoria e di Tecniche di Analisi dei Dati II per il Corso di Laurea Magistrale in Psicobiologia e Neuroscienze Cognitive al Dipartimento di Medicina e Chirurgia, Unità di Neuroscienze dove insegna altresì Psicologia Generale ai CS in Odontoiatria e protesi dentaria e in Ostetricia, l'ADE “Gestione della comunicazione e dell’ansia nei setting odontoiatrici”, “Psicologia” al CS in Tecniche di laboratorio biomedico.
La ricerca di Olimpia Pino si è concentrata sugli aspetti sia cognitivi che riabilitativi della memoria umana. Per molti anni ha studiato i modi in cui le persone apprendono e ricordano in laboratorio e nelle attività quotidiane. È particolarmente interessata alla riabilitazione della memoria per integrare il fenomeno clinico dell'amnesia alle analisi sperimentali e teoriche della tipica memoria umana. Attualmente per ottenere informazioni sui modi in cui il cervello umano cambia in funzione dell'esperienza o dei training i suoi interessi di ricerca si sono stati spostati verso le interfacce computer/cervello. Ha pubblicato più di 90 manoscritti.
Vincitrice del XIII premio del congresso AIAMC (Milano, 2005) per il contributo dato all'avanzamento della conoscenza e della ricerca nel comportamento verbale di Skinner. Ha anche ricevuto un secondo premio dalla SIPSA (Società Italiana di Psicologia della Salute) (Cesena, 2006) per la ricerca sull'impatto dei fattori psicosociali sulla qualità della vita nelle persone con Lupus Eritematoso Sistemico (LES ).
Nel Laboratorio di Psicologia Cognitiva che dirige, collabora con un gruppo di ingegneri, informatici, psicologi e medici. Neuro-Upper (NU) è il primo prototipo di Brain Computer Interface che utilizza il "trascinamento" audiovisivo delle onde cerebrali realizzato con una diversa concezione rispetto alle BCI tradizionali ed usato per la autocalibrazione delle onde cerebrali in diversi disturbi psicopatologici e per il potenziamento delle funzioni cognitive.
Il gruppo di ricerca è coinvolto in studi sperimentali nei campi della Human Robot Interaction (HRI) e delle terapie robot-assistite (RAT) in cui il robot NAO-H25 viene utilizzato come supporto nella riabilitazione della memoria di soggetti con Mild Cognitive Impairment. Collabora con il Laboratorio di Robotica del Dipartimento di Ingegneria dell'Informazione dell'Università di Bologna e con il Dipartimento di Informatica dell'Università degli Studi di Bari. Un programma di ricerca mira a fornire la prova che l'influenza reciproca tra neuroscienze cognitive e robotica consente una migliore comprensione e una maggiore accettazione della robotica nella società e nei servizi di assistenza sanitaria. Il gruppo ha realizzato nuovi strumenti e tecnologie basati sull'apprendimento automatico e sulla robotica da utilizzare nei training per persone con MCI e demenza. Con il supporto della Fondazione CARIPARMA utilizza il robot NAO h25 di Aldebaran Robotics nel programma di ricerca come strumento per promuovere la stimolazione neuro-cognitiva per la popolazione anziana. Attualmente, ci stiamo concentrando sull'uso di robot umanoidi per indagare come gli anziani con MCI si relazionano con loro e li percepiscono.

Anno accademico di erogazione: 2021/2022

Anno accademico di erogazione: 2020/2021

Anno accademico di erogazione: 2019/2020

Anno accademico di erogazione: 2018/2019

Anno accademico di erogazione: 2017/2018

Anno accademico di erogazione: 2016/2017

Anno accademico di erogazione: 2015/2016

Anno accademico di erogazione: 2014/2015

Anno accademico di erogazione: 2013/2014

Docente di riferimento

Linee di ricerca

Nel Laboratorio di Psicologia Cognitiva che dirige, collabora con un gruppo di ingegneri, informatici, psicologi e medici. Neuro-Upper (NU) è il primo prototipo di Brain Computer Interface che utilizza il "trascinamento" audiovisivo delle onde cerebrali realizzato con una diversa concezione rispetto alle BCI tradizionali ed usato per la autocalibrazione delle onde cerebrali in diversi disturbi psicopatologici e per il potenziamento delle funzioni cognitive. Il gruppo di ricerca è coinvolto in studi sperimentali nei campi della Human Robot Interaction (HRI) e delle terapie robot-assistite (RAT) in cui il robot NAO-H25 viene utilizzato come supporto nella riabilitazione della memoria di soggetti con Mild Cognitive Impairment. Collabora con il Laboratorio di Robotica del Dipartimento di Ingegneria dell'Informazione dell'Università di Bologna e con il Dipartimento di Informatica dell'Università degli Studi di Bari. Un programma di ricerca mira a fornire la prova che l'influenza reciproca tra neuroscienze cognitive e robotica consente una migliore comprensione e una maggiore accettazione della robotica nella società e nei servizi di assistenza sanitaria. Il gruppo ha realizzato nuovi strumenti e tecnologie basati sull'apprendimento automatico e sulla robotica da utilizzare nei training per persone con MCI e demenza. Con il supporto della Fondazione CARIPARMA utilizza il robot NAO h25 di Aldebaran Robotics nel programma di ricerca come strumento per promuovere la stimolazione neuro-cognitiva per la popolazione anziana. Attualmente, ci stiamo concentrando sull'uso di robot umanoidi per indagare come gli anziani con MCI si relazionano con loro e li percepiscono.

Orcid

0000-0003-3035-8401

Contatti

Telefono
034831
FAX

034812

Ubicazione dell'ufficio

Ricevimento

 

Martedì dalle ore 12 alle ore 14 su appuntamento

 

Dipartimento di Medicina e Chirurgia, Unità di Neuroscienze,

Plesso Biotecnologico Integrato

Via Volturno, 39, 43125 - Parma (Italia)