Prof.ssa

VILLA Giuliana

Professore di I fascia
Parco Area delle Scienze, 11/a 43124 PARMA
  • Curriculum Vitae
  • Insegnamenti
  • Incarichi
  • Ricerca

Nel Novembre 1977 ha conseguito la Laurea in Scienze Geologiche presso la Facoltà di Scienze Naturali, Fisiche e Matematiche dell’Università di Parma, con il punteggio di 110/110.
1981-1985: Borsa di Studio presso l’Istituto di Geologia dell'Università di Parma, studia la biostratigrafia a nannofossili calcarei dei Flysch Cretacici dell'Appennino
Dal 1985 è socia dell’International Nannoplankton Association, partecipando ai congressi biennali dell’associazione ai quali ha presentato i risultati delle proprie ricerche.
1987 - 2000: Funzionario tecnico presso l'Università di Parma; oltre alle mansioni del ruolo, svolge ricerche sulla biostratigrafia a nannofossili calcarei del Cenozoico e Mesozoico. Collabora, con i colleghi d’altre Università italiane e straniere, per studiare interpretazioni geologiche e stratigrafiche su materiale proveniente da crociere DSDP e ODP e successioni sedimentarie di terreno.
1989 Borsa di Studio CNR presso la Florida State University: collabora ad un progetto sulla paleoceanografia basata su analisi statistiche dell'associazione a nannofossili dell'Eocene e Oligocene dell'Oceano Indiano, sotto la guida del Prof. S.W. Wise.
1990-1997: Membro del Working Group IGCP sul limite Paleogene/Neogene che ha portato alla definizione del limite Oligo/Miocene come Global Stratigraphic Point, nella sezione di Lemme (Piemonte).
1990 e 1992: ospite presso la Florida State University durante i semestri autunnali per studiare le collezioni di nannofossili calcarei del Cretaceo inferiore.
1992 Maggio: ospite presso l’Istituto di Oceanografia di Goldhamming, Surrey (Inghilterra) per specializzarsi sull’applicazione della biostratigrafia a nannofossili nei sedimenti torbiditici sotto la guida del Dott. Phil Weaver.
1993-96: Membro del "Friendship Programs Committee" della SEPM Association (Society for Sedimentary Geology), che si prefigge di promuovere ed assistere la diffusione di riviste e progetti a carattere sedimentario in diversi paesi nel mondo.
1995 - 1996: collabora con colleghi dell’Università di Parma, Firenze e Utrecht (Olanda), allo studio di sezioni del Miocene superiore in Marocco, Bacino di Taza Guercif e Rabat, per la ricostruzione delle connessioni Atlantico - Mediterraneo di tale periodo.
Dal 1995 è stata nominata dalla Facoltà di Scienze Naturali, Fisiche e Matematiche dell’Università di Parma, cultore della materia nel settore disciplinare D01A (Paleontologia e Paleoecologia).
Ha collaborato con i componenti dei Gruppi di Ricerca CROP01 e Crop03 (“Progetto Crosta Profonda").
1997 Febbraio: partecipa alla crociera oceanografica a bordo del Royal Scientific Vassel “Discovery” per collaborare con i colleghi del Centro Oceanografico di Southampton (SOC), a ricerche oceanografiche nel Bacino di Madeira, Oceano Atlantico.
1997 Ottobre e Novembre: partecipa alla Spedizione Antartica, come micropaleontologo del Progetto Internazionale “Cape Roberts” (CRP), McMurdo Station (USA), Antartide. Il progetto vede la collaborazione dei Progetti Nazionali Antartici di Italia, USA, Australia, Nuova Zelanda, Gran Bretagna, Germania, per recuperare carote al largo della costa Antartica, per ricostruire la storia paleoclimatica e tettonica della regione.
Dall' Aprile 1998 è Curatore dell’unica collezione di nannofossili presente in Italia, delle perforazioni ottenute dai progetti DSDP e ODP. Il programma MRC (Microfossil Reference Collection) ha lo scopo di mantenere per le generazioni future una collezione di microfossili unici per provenienza e di mettere a disposizione della comunità scientifica (essendo questa una delle 3 sedi in Europa e delle 8 al Mondo) campioni di alto valore scientifico, infine di promuovere discussioni e scambi nel campo della ricerca stratigrafica e tassonomica. In quest’ ambito ha partecipato ai Workshops del gruppo che si sono tenuti: presso lo Smithsonian Institute di Washington nel maggio 1999, presso il ODP Core Depository di Brema nel giugno 2000, e presso il Museo di Scienze Naturali di Berlino, nell’Ottobre 2001.
1998 13 Ottobre - 12 Dicembre: partecipa alla seconda spedizione Antartica del progetto Internazionale “Cape Roberts”, presso la McMurdo Station (USA), Antartide. Vengono recuperati 637 metri di sedimenti, lo studio dei microfossili, indica età riferibili all'Oligocene inferiore.
1999 invitata a partecipare alla terza spedizione Antartica del progetto Internazionale “Cape Roberts”, non ha potuto parteciparvi per motivi di salute.
2000 Ricercatore confermato settore disciplinare GEO/01 – Paleontologia e Paleoecologia, presso il Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Parma.

E' responsabile scientifico di un progetto triennale del Programma Nazionale di Ricerche in Antartide (PNRA), relativo al triennio 1999-2002. Il progetto prevede il monitoraggio dei nannofossili del Quaternario nei bacini periantartici a latitudini superiori a 65° S e la modellizzazione in base ai nannofossili dei periodi glaciali e interglaciali. I risultati di queste ricerche sono stati presentati al EUG XI di Strasburgo 2001 e all’ANTOSTRAT Meeting di Erice 2001 e sono in via di pubblicazione.
In parallelo sugli stessi temi, collabora al Progetto SEDANO (Sediment Drifts Antarctic Offshore) finanziato dal PNRA e British Antarctic Service, Resp. Rebesco M. (OGS Trieste).
E’ responsabile di Unità Operativa di Parma del progetto triennale del Programma Nazionale di Ricerche in Antartide (PNRA), relativo al triennio 1999-2002, per il progetto WEGA (Wilkes Basin Glacial history (East Antartica) (Resp. Naz. De Santis L. e Brancolini G., OGS) con lo scopo di studiare le associazioni a nannofossili nelle carote provenienti dalle successioni sedimentarie di scarpata e rialzo continentale delle Wilkes Land, per portare un contributo alla ricostruzione paleoclimatica alle alte latitudini.
Ha svolto l'attività’ di referee per riviste scientifiche italiane e internazionali (“Marine Micropaleontology”; “Proceedings of the Ocean Drilling Program”, Atti Ticinensi di Sc. della Terra)
Ha svolto attività di Co-editor per i volumi CRP1 e CRP3 editi su Terra Antartica, vol. 5, e vol. 8 in stampa), per il capitolo paleontologico.

E' stata Convenor del 9° Congresso dell' International Nannoplankton Association (INA) a Parma Settembre 8-14, 2002 (www.geo.unipr.it).

Dal Dicembre 2002 è Professore Associato presso l’Università di Parma.
Chief-editor per il volume dei proceedings del INA9 Conference edito su Marine Micropaleontology. Vol. 52
2003-2005: Responsabile scientifico di Unità di ricerca dell’Università di Parma del progetto Cofin, responsabile nazionale prof. Isabella Premoli Silva.
2005-2007: Responsabile scientifico di Unità di ricerca dell’Università di Parma del progetto Cofin, responsabile nazionale prof. Isabella Premoli Silva.
2006-2007 Responsabile scientifico nazionale per il settore paleontologico, del progetto Andrill. Il progetto vede la collaborazione dei Progetti Nazionali Antartici di Italia, USA, Australia, Nuova Zelanda e Germania, per recuperare carote dall’ice shelf e sea ice nel Mare di Ross (Antartide), per ricostruire la storia paleoclimatica dell'Antartide.

PROGETTI FINANZIATI DEGLI ULTIMI 5 ANNI:

2003-2005: Responsabile scientifico di Unità di ricerca dell’Università di Parma del progetto PRIN, responsabile nazionale prof. Isabella Premoli Silva.
2005-2007: Responsabile scientifico di Unità di ricerca dell’Università di Parma del progetto PRIN, responsabile nazionale prof. Isabella Premoli Silva.
2006-2007: Responsabile scientifico nazionale per il settore paleontologico, del progetto Andrill. Il progetto vede la collaborazione dei Progetti Nazionali Antartici di Italia, USA, Australia, Nuova Zelanda e Germania, per recuperare carote dall’ice shelf e sea ice nel Mare di Ross (Antartide), per ricostruire la storia paleoclimatica della regione.
2007-2009: Responsabile scientifico di Unità di ricerca dell’Università di Parma del progetto PRIN, responsabile nazionale prof. Isabella Premoli Silva.

Anno accademico di espletamento: 2019/2020

Anno accademico di espletamento: 2018/2019

Anno accademico di espletamento: 2017/2018

Anno accademico di espletamento: 2016/2017

Anno accademico di espletamento: 2015/2016

Anno accademico di espletamento: 2014/2015

Anno accademico di espletamento: 2013/2014

Docente di riferimento

Ultime pubblicazioni:

Contatti

Telefono
905370
FAX

905305