Prof.ssa

FADDA Elisabetta

Professore di II fascia
Via M. D'Azeglio, 85 43125 PARMA
  • Curriculum Vitae
  • Insegnamenti
  • Incarichi
  • Ricerca

ELISABETTA FADDA

RESIDENZA
Via Nuova di Mamiano 6
43022 Montechiarugolo (Parma)
cell: 347-6621970
mail: e.fadda1@inwind.it; elisabetta.fadda@unipr.it

CODICE FISCALE: FDDLBT66R66G337G

Elisabetta Fadda è nata a Parma il 26 ottobre 1966.
E'è professore associato di seconda Fascia in Storia dell’Arte Moderna presso l’Università degli Studi di Parma

LAUREA, SPECIALIZZAZIONE, DOTTORATO
Il 18/11/1992 consegue la Laurea in “Lettere moderne” con indirizzo – storico artistico all’Università degli Studi di Bologna con la votazione finale di centodieci/110 e lode, discutendo una tesi dal titolo Aspetti e problemi di iconografia nei complessi decorativi della chiesa di Santa Maria della Steccata a Parma (relatori Prof.ssa Vera Fortunati e Prof. Jurgen Winckelmann).

Il 29/11/1995 ottiene il diploma di Specializzazione in “Archeologia e Storia dell’arte” presso l’Università degli Studi di Siena con una votazione finale di settanta/70 con lode, discutendo una tesi dal titolo L’attività di Antonio della Porta detto Tamagnino (relatore Prof. Luciano Bellosi).

Il 30/01/2003 consegue il Dottorato di Ricerca in “Metodologie conoscitive per la conservazione e valorizzazione dei Beni Culturali” presso la Seconda Università degli Studi di Napoli, con una tesi dal titolo La scultura lignea del Quattrocento nel territorio Campano e in Terra di Lavoro (relatore Prof.ssa A. Perriccioli Saggese).

Il 22/01/2009 risulta vincintrice al concorso per 1 posto da ricercatore in Storia dell’Arte moderna L/art02 e diventa ricercatore in Storia dell’arte moderna presso la Facoltà di Architettura dell’Università degli Studi di Parma.

BORSE DI STUDIO
Nel 1994 vince una borsa di studio presso la Fondazione Giorgio Cini di Venezia e partecipa dal 29 agosto al 10 settembre 1994 al XXXVI Corso Internazionale di Alta Cultura sul tema La Metamorfosi del Ritratto promosso dalla stessa Fondazione Cini e dal Comune di Venezia.

Nell’Anno Accademico 1996/97 vince una Borsa di Studio alla Fondazione di Studi di Storia dell’arte Roberto Longhi di Firenze, svolgendo un progetto di ricerca su “Botteghe di scultura in Lombardia dal 1470 al 1500: i Mantegazza, i Cazzaniga, Amadeo”.

Nell’Anno Accademico 1997\98 vince una “Borsa per Progetto di Ricerca” presso l’Università degli Studi di Siena ove svolge uno studio, presentato dal Prof. Roberto Bartalini, sul pittore Michelangelo Anselmi.

Nell’Anno Accademico 1998\1999 ottiene il rinnovo della stessa “Borsa per progetto di Ricerca” presso l’Università degli Studi di Siena proseguendo lo studio sul pittore Michelangelo Anselmi.

Il 1 dicembre 2008 risulta vincitrice di una borsa di studio della Fondazione Cassa di Risparmio di Bologna con un progetto sullo studio della migrazione artistica degli artisti stranieri che hanno lavorato a Bologna dal XV al XVIII secolo dal titolo “Forestieri a Bologna e bolognesi nel mondo: il soggiorno di Dürer a Bologna del 1506”.

COLLABORAZIONI E ATTIVITÀ DIDATTICA PRECEDENTI IL CONCORSO DA RICERCATORE
Insegna Storia dell’arte presso l’International School of Designs di Modena dal 1993 al 1998.

Dal settembre 1996 al dicembre 1997 collabora con la Soprintendenza di Parma e Piacenza allo studio della “Scultura lignea del XV secolo nel territorio piacentino”.

Dal mese di Gennaio 1996 al mese di maggio 1998, collabora col dipartimento di Storia dell’Arte dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e con l’ISAL (Istituto di Storia dell’Arte Lombarda) al lavoro di schedatura di opere d’Arte Lombarda nei musei italiani e stranieri.

Svolge in modo continuativo presso l’Opificio delle Pietre Dure di Firenze l’incarico per l’insegnamento di Storia dell’Arte di indirizzo – Settore Sculture lignee policrome, dall’Anno Accademico 1999 al 2005.

Nell’Anno Accademico 2004\2005, riceve l’incarico da parte del Dipartimento di Storia e Tutela dei Beni culturali dell’Università degli Studi di Udine, di collaborare col prof. Mino Gabriele a uno studio dal titolo “Iconografie alchemiche medievali e rinascimentali”, svolgendo una ricerca bibliografica e d’archivio presso l’Archivio di Stato di Firenze

E’ stata professore a contratto per l’insegnamento di Storia dell’arte moderna presso il Corso di Studio in Beni Artistici, Teatrali, Cinematografici e dei Nuovi Media, per l’A. A. 2007/2008 presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Parma.

E’ stata professore a contratto di Storia dell’Arte Moderna nel corso di laurea specialistica presso il Dipartimento di Beni culturali alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Parma dall’A. A. 2008/2009.

Ha tenuto come supplente il corso di Storia dell’arte Moderna II nel Corso di Laurea specialistica in Storia dell’Arte Medievale, Moderna e contemporanea presso il Dipartimento di Beni culturali alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Parma dall’A. A. 2009/2010.

ATTIVITÀ DIDATTICA e
INCARICHI D’INSEGNAMENTO DAL 1° MARZO 2009
A. A. 2008\2009
Titolare del corso di Storia dell’arte moderna e contemporanea nel corso di studi in [3003] Tecniche dell’edilizia (LT) (2° anno)- 4 crediti (50 ore)

A.A. 2009\2010
Titolare del corso integrato di Storia dell’arte e dell’architettura contemporanea (modulo Elementi di arte moderna e contemporanea) nel corso di studi in [3003] Tecniche dell’edilizia (LT) (1° anno) – 4 crediti (50 ore)

Titolare del corso integrato di Storia dell’arte e dell’architettura contemporanea (modulo Elementi di arte moderna e contemporanea) nel corso di studi in [3002] Scienze dell’architettura (LT) (1° anno) – 4 crediti (50 ore)

A. A. 2010\2011
Titolare del corso integrato di Storia dell’arte e dell’architettura contemporanea (modulo Elementi di arte moderna e contemporanea) nel corso di studi in [3002] Scienze dell’architettura (LT) (1°anno) – 4 crediti (50 ore)

Titolare del corso di Storia dell’arte moderna e contemporanea nei corsi di studi in [3002] Scienze dell’architettura (LT), [3003] Tecniche dell’edilizia (LT), [5002] Architettura (LM) (1°, 2°, 3° anno) – 4 crediti (50 ore)

A.A. 2011\2012
Titolare del corso integrato di Storia dell’arte e dell’architettura contemporanea (modulo Elementi di arte moderna e contemporanea) nel corso di studi in [3002] Scienze dell’architettura (LT) (1°anno) – 4 crediti (50 ore)

Titolare del corso integrato di Storia dell’arte e dell’architettura moderna (modulo Storia dell’ arte moderna) nel corso di studi in [3002] Scienze dell’architettura (LT) (3°anno) – 4 crediti (50 ore)

INCARICHI DI AFFIDAMENTO
A. A. 2009/2010.
La Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Parma le conferisce l’insegnamento di Storia dell’arte Moderna II nel Corso di Laurea specialistica in Storia dell’Arte Medievale, Moderna e contemporanea presso il Dipartimento di Beni culturali . 5 crediti (40 ore)

A.A. 2010\2011
La Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Parma le conferisce l’insegnamento di Storia dell’Arte Rinascimentale (C.L.M. interclasse in Storia e Critica e Organizzazioni delle arti e dello spettacolo) 6 crediti (50 ore)

A.A. 2011\2012
La Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Parma le conferisce l’insegnamento di Storia dell’Arte Rinascimentale (C.L.M. interclasse in Storia e Critica e Organizzazioni delle arti e dello spettacolo) 6 crediti (50 ore)

DOTTORATO DI RICERCA
Fa parte del Collegio dei Docenti del XVII e XIX ciclo del Dottorato di Ricerca in Storia dell’Arte e dello Spettacolo dell’Università degli Studi di Parma

RELATORE DI TESI
RELATORE DI TESI FACOLTÁ DI ARCHITETTURA UNIVERSITÀ DI PARMA
A.A 2010/2011
Corso di laurea in tecniche dell’edilizia: Medardo Rosso e ‘La Voce’. Laureanda: Elena Bertogalli

Corso di laurea in Scienze dell’architettura: Edgar Dégas e la critica italiana: Pica, Manzi, Martelli. Laureanda Alice Squarcia

Relatore di tesi Facoltá di Lettere e Filosofia Università di Parma
A.A. 2008/2009
Corso di laurea in beni artistici, teatrali, cinematografici e dei nuovi media: Nicolò dell’Abate a Sassuolo: l’appartamento di Orlando nel Palazzo dei Pio. Testimonianze, documenti e ipotesi su un ciclo decorativo perduto. Laureanda: Luisa Capelli

A.A. 2009/2010
Corso di laurea in beni artistici, teatrali, cinematografici e dei nuovi media: ‘700 Vittoriano: Aubrey Beardsley and Alexander Pope a confronto, The rape of the Lock. Laureando: Bernardo Marconi

Corso di laurea magistrale in Storia dell’Arte: Vittoria Colonna allo specchio: gli autoritratti in pittura e le medaglie. Laureanda: Anna Cericola

Corso di laurea in beni artistici, teatrali, cinematografici e dei nuovi media: Le opere del Pordenone a Cortemaggiore. Laureanda: Deborah Frigoli

Corso di laurea in beni artistici, teatrali, cinematografici e dei nuovi media: L’opera di Raffellino da Reggio nelle incisioni di Diana Scultori. Laureanda Elisa Lusardi

Corso di laurea specialistica in Storia dell’arte medievale, moderna e contemporanea: Elisabetta Sirani: la visione idealizzata e romanzata e il suo ruolo storico. Laureanda: Maria Grazia De Marco

Corso di laurea in Conservazione dei Beni Culturali: L’eredità della bottega di Vincenzo Campi: L’attività di Luca Cattapane. Laureanda: Elisabetta Ogadri

Corso di laurea specialistica in Storia dell’arte moderna: Le imprese della Rocca di San Martino in Rio: Sala del teatro e Sala delle aquile. Laureanda: Licia Galimberti

A.A. 2010/2011
Corso di laurea in conservazione dei Beni culturali: La bottega dei Bernabei. Laureanda: Letizia Dallagiacoma

Corso di laurea in Arte, spettacolo e immagine multimediale: L’arazzo con Venere spiata da un satiro della serie voluta da Federico II Gonzaga su cartone di Giulio Romano. Laureando: Antonio Verolino

Corso di laurea in beni artistici, teatrali, cinematografici e dei nuovi media: La stanza di Leone X nella villa di Poggio a Caiano. Laureanda: Elisabetta Del Monte

Corso di laurea in beni artistici, teatrali, cinematografici e dei nuovi media: La bottega dell’artista nel secondo Quattrocento fiorentino. Laureanda: Angelica Ziveri

Corso di laurea in Scienze della comunicazione scritta e ipertestuale: Funzioni e componenti del giardino italiano del secondo Cinquecento: il caso di Villa Lante a Bagnaia. Laureanda: Cecilia Bortolamiol

Corso di laurea in Storia dell’arte medievale, moderna e contemporanea: Il pittore Alessandro Araldi. Laureanda: Elisa Rizzardi

Corso di laurea in Storia dell’arte: La didattica della prospettiva in due manoscritti inediti di Ettore Ausonio (1520 – 1570) della Biblioteca Ambrosiana di Milano (R. 105sup; R116 sup).Laureando: Elia Favalli

ATTIVITÀ SCIENTIFICA

MOSTRE
Ha curato la mostra Parmigianino e la pratica dell'alchimia (Casalmaggiore, 9 febbraio - 15 maggio 2003) in collaborazione con Francesca del Torre Scheuch, Sylvia Ferino Pagden e Mino Gabriele.

Ha partecipato alla mostra Il Gotico a Piacenza. Maestri e botteghe tra Emilia e Lombardia, (Piacenza, Palazzo Gotico, 21 marzo – 28 giugno1988);

Ha partecipato alla mostra Alambicchi di parole. Il ricettario fiorentino e dintorni, catalogo della mostra (Firenze, Biblioteca Riccardiana, 18 ottobre 1999 – 15 gennaio 2000);

Ha partecipato alla mostra Parmigianino e il Manierismo europeo, catalogo della mostra (Parma, Galleria Nazionale, 8 febbraio – 15 maggio 2003);

Ha partecipato alla mostra Parmigianino und der europäische Manierismus, catalogo della mostra (Vienna, Kunsthistorisches Museum, 5 giugno – 14 settembre 2003);

Ha partecipato alla mostra Nicolò Dell’Abate. Storie dipinte nella pittura del Cinquecento tra Modena e Fontainebleau, (Modena, Foro Boario, 20 marzo – 19 giugno 2005);

Ha partecipato alla mostra Correggio e l’antico, (Roma, Galleria Borghese, 22 maggio – 14 settembre 2008).

Ha partecipato alla mostra From Botticielli to Titian. Masterpieces of two Centuries of Italian Art, catalogo della mostra (Budapest, Szépművészeti Múzeum, 28 ottobre – 2009 – 14 febbraio 2010).

Ha partecipato alla mostra Cavalieri. Dai Templari a Napoleone, a cura di Alessandro Baroero e Andrea Merlotti (Reggia di Venaria Reale, 27 novembre 2009 – 11 aprile 2011).

Ha partecipato alla mostra Santi , poeti, navigatori, a cura di F. De Luca (Firenze, Glleria degli Uffizi, Sala delle Reali Poste, 16 dicembre 2009 – 31 gennaio 2010).

Ha partecipato alla mostra. Gli Uffizi a Montecatini, (Montecatini, Terme Tamerici 16/04-16/8 2011) a cura di F. De Luca

Ha curato la mostra (con Andrea Muzzi) Percorsi del collezionismo. Le tappe di una raccolta: da Mantegna a Natalija Goncarova, Milano, Museo di Sant’Eustorgio, 26 maggio 2012 – 7 gennaio 2013

SEMINARI, CONFERENZE, CONVEGNI
Il 29 maggio 1996 tiene a Roma, presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, la conferenza dal titolo: Incontro con la pittura di Beato Angelico.

Il 15 novembre 1998 a Firenze, presso la Fondazione di Studi di Storia dell'arte Roberto Longhi, tiene la conferenza dal titolo: Da Martino Benzoni a Benedetto Briosco: 1460 – 1510, cinquant’anni di scultura lombarda.

Il 15 giugno 1999, a Firenze, presso la Scuola di Specializzazione in Storia dell’Arte dell’ Università degli Studi di Firenze, tiene la conferenza dal titolo: La scultura nella Certosa di Pavia (1470 – 1517).

Il 20 gennaio 2000, a Firenze, presso la Fondazione di Studi di Storia dell’Arte Roberto Longhi, tiene la conferenza dal titolo: I pittori della Scuola di Parma.

Il 21 giugno 2002, alla Sorbona di Parigi, partecipa al Colloque International L’Art de la Renaissance entre science et magie, (Paris, Université Paris I, Sorbonne, Centre d'Histoire de l'Art de la Renaissance, Institut d'Art et d'Archéologie, 20 - 22 giugno, 2002), curato da Philippe Morel, con un intervento dal titolo: Arte e alchimia negli ultimi anni del Parmigianino.

Il 5 Aprile 2003 partecipa a Casalmaggiore (Teatro Comunale) alla giornata di Studi dedicata a Parmigianino e la scuola di Parma, con un intervento dal titolo: Un'opera perduta di Michelangelo Anselmi: la Cappella della Croce in San Pietro Martire a Parma.

Il 22 maggio 2004, partecipa a Fontanellato, (Sala Convegni, Rocca Sanvitale), alla Tavola Rotonda dedicata al tema: “Arte & Alchimia: questioni di metodo e di interpretazione”, a cura del Prof. M. Gabriele, con un intervento dal titolo: Una descrizione cinquecentesca degli affreschi di Parmigianino alla Rocca Sanvitale: alcune considerazioni.

Parma 28 novembre 2008: partecipa con un intervento dal titolo: Una vestale Tuccia “exemplum Virtutis” al Convegno Internazionale di Studi su Antonio Allegri detto il Correggio

11-13 maggio 2009 partecipa al convegno Bologna crocevia e capitale della migrazione artistica : forestieri a Bologna e bolognesi nel mondo (XV-XVI) con un intervento dal titolo: “Agostino delle prospettive e l’Apelle vagabondo”.

14 febbraio 2010: a Viadana per la Società storica Viadanese tiene la conferenza dal titolo: “In ricordo di Mario Di Giampaolo. Un problema aperto: Gerolamo Bedoli nella bottega dei Mazzola”.

10 Aprile 2010: a Venezia, al Meeting internazionale organizzato dalla Renaissance Society of America, all’ Ateneo Veneto, Aula Tommaseo, tiene una conferenza dal titolo: “Aspetti della pittura erotica emiliana nel Cinquecento: da Parma a Fontainebleau e ritorno”.

16 Aprile 2010, Parma, Casa della Musica: tiene la conferenza dal titolo Gli “amici del Parmigianino” nel Cinquecento.

29 Novembre 2010, a Venaria (To), Reggia di Venaria, partecipa al convegno internazionale Il mito di Diana, Arte , Letteratura, Musica con un intervento dal titolo: Diana al bagno: gli affreschi di Parmigianino a Fontanellato .

13 Dicembre 2011, a Napoli, Università degli Studi l’Orientale, partecipa al Convegno internazionale “Verso Oriente. Tendenze orientaliste nell’arte russa fra Otto e Novecento” con un intervento dal titolo “Arte e teosofia a Firenze: il caso di Adolfo Schlatter”.

4 Maggio 2012, a Pontignano (Siena) partecipa al Convegno internazionale di Studi “L'Iconologia di Cesare Ripa. Fonti letterarie e figurative dall'antichita' al rinascimento” con un intervento dal titolo: “Cesare Ripa a Parma: il Coro dei Cavalieri in Santa Maria della Steccata”.

Il 6 ottobre, a Parma, Università degli Studi, Aula dei Cavalieri, partecipa al convegno La congiura dei Feudatari contro Ranuccio I Farnese. A quattrocento anni dalla ‘gran giustizia’ (Parma 1612 – 2012) con un intervento dal titolo “Su due dipinti confiscati”.

Il 22 ottobre 2012 alla Fondazione Ermitage Italia, Ferrara, Palazzina Giglioli, partecipa alla Giornata di studio All’origine delle grandi mostre in italia (1933-40) con un intervento dal titolo La Mostra del Correggio a Parma, 1935.

PUBBLICAZIONI

LIBRI
• 1 Elisabetta Fadda, Parmigianino. Il catalogo completo dei dipinti, (saggio introduttivo di M. Di Giampaolo, catalogo di Elisabetta Fadda), Santarcangelo di Romagna, Rimini, Rusconi - Idea Libri, 2003, 144 pagine, ISBN-13: 978-8870828221

• 2 Elisabetta Fadda, Michelangelo Anselmi, Torino, Umberto Allemandi, 2004, 208 pagine, ISBN-13: 978-8842209621

3Elisabetta Fadda – M. Cristina Bandera, Roberto Longhi – Giuseppe Prezzolini Lettere (1909 – 1927), Parma , MUP, 2011, 173 pagine, ISBN-13: 978-8878473423

• 4 Elisabetta Fadda – Andrea Muzzi, Percorsi del collezionismo. Le tappe di una raccolta: da Mantegna a Natalija Goncarova,Firenze, Le Lettere 2012, 87 pagine, ISBN-13: 978-8860875723

ARTICOLI, SAGGI, SCHEDE
5 Elisabetta Fadda, Antonio della Porta detto Tamagnino: l’attività bresciana, in “Arte Lombarda”, 120, (1997) pp. 37-44.

6 Elisabetta Fadda, Flashback: Note su Carpaccio di Roberto Longhi, in “Cineforum”, 366, (1997), pp. 44-47.

7 Elisabetta Fadda, La scultura lignea del Quattrocento nel territorio piacentino: quattro capolavori, in Storia di Piacenza, Piacenza, Tipleco, 1997, vol. III, pp. 44-49; 838 - 839.

8 Elisabetta Fadda, Ancora sui Mantegazza, in “Nuovi Studi”, 4, (1997) pp. 63 - 77.

9 Elisabetta Fadda, scheda 41 (Scultore piacentino del XIV secolo, San Giovanni Battista, Santa Maria di Campagna, Piacenza); scheda 42 (Scultore piacentino del XIV secolo, Santa Caterina, Santa Maria di Campagna, Piacenza); scheda 44 (A. Burlengo e B. da Groppallo, Polittico, chiesa Collegiata, Castelsangiovanni, Piacenza), in Il Gotico a Piacenza. Maestri e botteghe tra Emilia e Lombardia, catalogo della mostra a cura di A. Gigli e P. Ceschi Lavagetto, (Piacenza, Palazzo Gotico, 21 marzo – 28 giugno1988), Milano, Skira, 1998, pp. 193 - 195.

10 Elisabetta Fadda, Sculture rinascimentali lombarde nei musei stranieri: alcuni esempi, in “Arte Lombarda” 123, (1998), pp. 41 - 49.

11 Elisabetta Fadda, Indagini sulla simbologia e le virtù curative dell’assenzio e del tasso, in Alambicchi di parole. Il ricettario fiorentino e dintorni, catalogo della mostra (Firenze, Biblioteca Riccardiana, 18 ottobre 1999 – 15 gennaio 2000) a cura di M. Gabriele e G. Lazzi, Firenze, Polistampa, 1999, pp. 55 - 61.

12Elisabetta Fadda, Un eccentrico nella Parma del Correggio: il Maestro di Sant’Uldarico, in “Nuovi Studi”, 7, (1999), pp. 69 – 76;

13 Elisabetta Fadda, Sebastiano Ricci e gli affreschi dell’Oratorio del Serraglio, in Oratorio del Serraglio dedicato al Santo Nome di Maria, a cura di E. Calunga e S. Rossi, Parma, Step, 2000, pp. 101 - 112.

14 Elisabetta Fadda, Scultori lombardi a Genova e in Francia: Tamagnino e Pasio Gagini, in “Proporzioni. Annali della Fondazione Longhi”, 1, (2000), pp. 69 – 79.

15 Elisabetta Fadda, La Madonna della Purità di Capua, Capua, Museo Provinciale Campano, 2001.

16 Elisabetta Fadda, Da Parma a Casalmaggiore: Parmigianino ultimo atto, in Parmigianino e la pratica dell'Alchimia, catalogo della mostra (Casalmaggiore, Cenro culturale Santa Chiara, 9 febbraio – 15 maggio 2003), a cura di F. Del Torre Scheuch, E. Fadda, S. Ferino Pagden, M. Gabriele, Cinisello Balsamo – Milano, Silvana, 2003, pp. 39 - 49; ISBN-13: 978-8882154974

17 Elisabetta Fadda, F. M. Grapaldo, De partibus aedium); scheda II.02 (G. Anselmi nipote, Epigrammaton libri septem; Parmigianino, Figura virile di spalle; Parmigianino, Fanciullo con la tavola dell’abecedario J. Heinz il vecchio, Cupido che fabbrica l’arco; M. Ghislina, Madonna col Bambino, i Santi Stefano, Giovanni Battista e committente; Parmigianino, Madonna col Bambino tra i Santi Stefano e Giovanni Battista ; Anonimo, Lucrezia romana; E. Vico, Lucrezia; G. B. Barbieri, Fortezza; G. B. Barbieri, Sant’Agapito; A. Falco, Tomba di giovane, in Parmigianino e la pratica dell'Alchimia, catalogo della mostra, (Casalmaggiore, Centro culturale Santa Chiara, 9 febbraio – 15 maggio 2003), a cura di F. Del Torre Scheuch, E. Fadda, S. Ferino Pagden, M. Gabriele, Cinisello Balsamo – Milano, Silvana, 2003, pp. 103 - 104; 107 – 117. ISBN-13: 978-8882154974

18 Elisabetta Fadda, scheda 2.3.120 (Parmigianino, Personaggi a bordo di una barca), in Parmigianino e il Manierismo europeo, catalogo della mostra (Parma, Galleria Nazionale, 8 febbraio – 15 maggio 2003) a cura di S. Ferino Pagden e L. Fornari Schianchi, Cinisello Balsamo – Milano, Silvana, 2003, pp. 327 - 328. ISBN-13: 978-8882154813

19bis Elisabetta Fadda, scheda 1.3.127 (Parmigianino, Drei Männer in einem Boot), in Parmigianino und der europäische Manierismus, catalogo della mostra (Vienna, Kunsthistorisches Museum, 5 giugno – 14 settembre 2003), a cura di S. Ferino-Pagden e L. Fornari Schianchi, Cinisello Balsamo – Milano, Silvana 2003, pp. 364 - 365 ISBN-13: 978-8882156152

20 Elisabetta Fadda, Un'opera perduta di Michelangelo Anselmi: la Cappella della Croce in San Pietro Martire a Parma, in Parmigianino e la Scuola di Parma, atti della giornata di studi (Casalmaggiore, 5 aprile 2003), Viadana, Tip. Castello, 2004, pp. 37 – 44.

21 Elisabetta Fadda, Alcune osservazioni attorno al crocifisso di Badia a Passignano, in Il crocifisso di Badia a Passignano. Tecnica, conservazione e considerazioni critiche, a cura di L. Speranza, Firenze, Edifir, 2004, pp. 21 – 32; ISBN-13: 978-8879701938

22 Elisabetta Fadda, Geroglifico o emblema? Un affresco perduto di Nicolò a Bologna, in Nicolò Dell’Abate. Storie dipinte nella pittura del Cinquecento tra Modena e Fontainebleau, catalogo della mostra (Modena, Foro Boario, 20 marzo – 19 giugno 2005) a cura di S. Béguin e F. Piccinini, Cinisello Balsamo – Milano, Silvana 2005, pp. 117 – 123; ISBN 13: 9788882158569

23 Elisabetta Fadda, scheda 42 (Parmigianino, Ritratto virile); scheda 12 (Nicolò Dell’Abate, Impresa di papa Giulio III); scheda 123 (Nicolò Dell’Abate, Stemma di Giulio III), in Nicolò Dell’Abate. Storie dipinte nella pittura del Cinquecento tra Modena e Fontainebleau, catalogo della mostra (Modena, Foro Boario, 20 marzo – 19 giugno 2005) a cura di S. Béguin e F. Piccinini, Cinisello Balsamo – Milano, Silvana 2005, pp. 256 – 257; pp. 342-343 ISBN 13: 9788882158569

24 Elisabetta Fadda, Arte e alchimia negli ultimi anni del Parmigianino, in L’Art de la Renaissance entre science et magie, atti del Colloque International, (Paris, Université Paris I Sorbonne, Centre d’histoire de l’Art de la Renaissance, Institut d'Art et d'Archéologie, 20, 21, 22 giugno 2002) a cura di Philippe Morel, Paris, Collection d’histoire de l’art de l’Académie de France à Rome, Somogy éditions d'art 2006, pp. 295 - 324 ISBN-13: 978-2757200087

25 Elisabetta Fadda, Natura Picta: il giardino entra nelle sale, in il Giardino Ducale di Parma, Da delizia ducale a patrimonio collettivo di arte e natura a cura di C. Mambriani, Reggio Emilia, Diabasis. L’Archimetro 2006, pp. 225 – 239, ISBN-13: 978-8881034383

26 Elisabetta Fadda, Giovanni Pietro da Rho, in Allgemeines Künstler-Lexikon. Die Bildenden Künstler aller Zeiten und Völker, band 55, Saur, München – Leipzig 2007, coll. 73 – 74. ISBN 359822740X 9783598227950 3598227957 9783598227400

27 Elisabetta Fadda, Tamagnino (Antonio Della Porta), in Allgemeines Künstler-Lexikon. Die Bildenden Künstler aller Zeiten und Völker, in c.d.s.

28 Elisabetta Fadda, “Et così mi chiamo contento”: Antonio Allegri detto il Correggio: l’uomo e l’artista attraverso la lettura dei documenti, in Correggio e l’antico, catalogo della mostra (Roma, Galleria Borghese 22 maggio – 14 settembre 2008) a cura di A. Coliva, Milano Motta, 24Ore cultura, 2008, pp. 182 - 185 ISBN-13: 978-8871795706

29 Elisabetta Fadda: La Madonna col Bambino (Washington, National Gallery, Kress collection); Natività (Milano, Pinacoteca di Brera); La Madonna col Bambino e San Giovannino (Milano, Castello Sforzesco); Ritratto d’uomo che legge (Milano, Castello Sforzesco); La Madonna col Bambino (Firenze, Galleria degli Uffizi); San Gerolamo (Madrid, Accademia di Bellas Artes San Fernando); Testa di Cristo (Malibu, Paul Getty Museum),in Correggio, catalogo della mostra (Roma, Galleria Borghese 22 maggio – 14 settembre 2008) a cura di A. Coliva, Milano Motta, 2008, pp.: 86 – 90; pp.98; 112; 118 – 121. ISBN-13: 978-8871795706

30 Elisabetta Fadda, Michelangelo Anselmi alla Steccata: 1521 – 1554, in Santa Maria della Steccata a Parma. Da chiesa civica a basilica magistrale dell’Ordine costantiniano, a cura di B. Adorni, Milano Skira, Grandi libri 2008, pp. 197 – 214. ISBN-13: 978-8861306547

31 Elisabetta Fadda copia da M. Anselmi; bottega di Pietrantonio e Alessandro Bernabei, in I dipinti, in Santa Maria della Steccata a Parma. Da chiesa civica a basilica magistrale dell’Ordine costantiniano, a cura di B. Adorni, Milano Skira 2008, pp. 263 – 264; 270 - 271. ISBN-13: 978-8861306547

32 Elisabetta Fadda, La decorazione pittorica e la scultura, in Santa Maria del Quartiere a Parma, storia, rilievo e stabilità di una fabbrica farnesiana, a cura di P. Giandebiaggi, C. Mambriani, F. Ottoni, STEP Parma, 2009, pp. 58-77 ISBN: 88-7898-060-9

33 Elisabetta Fadda, Una vestale Tuccia “exemplum Virtutis” in Antonio Allegri detto il Correggio: Convegno Internazionale di Studi (Parma 28 novembre 2008) a cura di L. Fornari Schianchi, Milano Skira, pp. 387 – 390 in cds.

34 Elisabetta Fadda, Gli affreschi del Cinquecento e del Seicento: i pittori e il programma iconografico, in L’abbazia benedettina di Santa Maria della neve a Torrechiara, a cura di F. Tonelli e B. Zilocchi, Parma, Quadra 2009, pp. 153 – 164.

35 Elisabetta Fadda, La stanza delle Ninfe e la stanza di Danae: un bagno gonzaghesco per Parmigianino e per Correggio, in “Aurea Parma”, XCIII/1, 2009, pp. 45 – 64.ISSSN 0004-8062

36 Elisabetta Fadda, Schede: Correggio: Madonna del Latte, (Budapest, Szépművészeti Múzeum); Parmigianino: Santa Caterina con due angeli, (Frankfurt, Städelsches Kunstinstitut); Parmigianino: Ritratto d'uomo, (Roma, Gall. Borghese) in From Botticielli to Titian. Two Centuries of Italian Masterpieces, catalogo della mostra (Budapest, Szépművészeti Múzeum, 28 ottobre – 2009 – 14 febbraio 2010), a cura di D. Sallay, V. Tatray, A. Vécsey, Budapest, pp. 288-289; 390-393. ISBN : 9789637063688.

37Elisabetta Fadda Ritratto di Alessandro Achillini, in Santi, poeti, navigatori, catalogo della mostra a cura di F. De Luca (Firenze, Galleria degli Uffizi, Sala delle Reali Poste, 16 dicembre 2009 – 31 gennaio 2010), Firenze Polistampa 2009, pp. 56 – 60. ISBN-13: 978-8859607137

38 Elisabetta Fadda, Scheda Anton Graff, Ritratto di Carolina Maria Teresa di Borbone (Parma, Galleria Nazionale), in Cavalieri. Dai Templari a Napoleone, a cura di Alessandro Baroero e Andrea Merlotti (Reggia di Venaria Reale, 27 novembre 2009 – 11 aprile 2011), Electa Milano, pp. 360 – 361. ISBN-13: 978-8837074227

39 Elisabetta Fadda, L'Apelle vagabondo e Agostino delle prospettive: riflessioni sul soggiorno di Dürer in Italia del 1506, in Crocevia e capitale della migrazione artistica: forestieri a Bologna e bolognesi nel mondo, atti del convegno internazionale di Studi (Bologna 11 – 13 maggio 2009) a cura di S. Frommel, Bononia University Press, Grandi Opere, Bologna 2010, pp. 125 – 140 ISBN-13: 978-8873955726

40 Elisabetta Fadda, Con Parmigianino a Viadana: Gerolamo Bedoli (1508? – 1569) nella bottega dei Mazzola, in “Vitelliana. Viadana e il territorio mantovano fra Oglio e Po. Bollettino della Società Storica Viadanese”, V, 2010, pp. 11 – 34.ISSN 1970-7975

41 Elisabetta Fadda, Aggiunte al Museo Gioviano: ritrovato il ritratto di Alessandro Achillini di Amico Aspertini, in “Presenza tecnica. Università degli Studi di Parma, Facoltà di Architettura” 256, settembre 2010, pp. 64 – 66.

42 Elisabetta Fadda, Aspertini e la collezione gioviana, in Santi, poeti, navigatori. Gli Uffizi a Montecatini, catalogo della mostra (Montecatini, Terme Tamerici 16/04-16/8 2011) a cura di F. De Luca, Firenze Polistampa 2011, pp. 46-49. ISBN-13: 978-8859609063

43 Elisabetta Fadda, La Natura delle cose, le cose della natura, in Arturo Delle Donne (a cura di) The last breath on earth. The trilogy, Academia Universa Press, Milano 2012, pp. 82- 87.

44 Elisabetta Fadda, Drawings by Michelangelo Anselmi for S. Giovanni Evangelista a Parma, “Master Drawing”, 50, number 4, winter 2012, pp. 71-86.

45 Elisabetta Fadda, Ancora su Bartolomeo Cancellieri, pittore itinerante e sul ritratto di Carlo V attribuito a Parmigianino, in “Ricerche di Sconfine”, IV, n.1 (2013), pp. 133 – 146 ISSN: 2038-8411
46 Elisabetta Fadda (con C. Mambriani e E. Coisson), Vulnerabilità del patrimonio culturale: una gerarchia delle urgenze, in Strategie e Programmazione della Conservazione e Trasmissibilità del Patrimonio Culturale a cura di A Filipovic e W. Troiano, Roma Edizione Scientifiche Fidei Signa, 2013, pp. 40-45, ISBN 978-88909158-8-8
47 Elisabetta Fadda, Arte e teosofia a Firenze: il caso di Adolfo Schlatter, in Un impero Verso Oriente. Tendenze orientaliste e arte russa fra Otto e Novecento, a cura di Lapo Sestan e Lucia Tonini, Napoli, Università degli studi di Napoli ‘l’Orientale’, Il Torcoliere 2013, pp. 157-168, ISBN 978-88-6719-057-7
48 Elisabetta Fadda, Ripa a Parma: i monocromi del coro dei Cavalieri in Santa Maria della Steccata. L'Iconologia di Cesare Ripa. Fonti letterarie e figurative dall'Antichità al Rinascimento , a cura di C. Galassi e M. Gabriele, Leo S. Olschki editore, Firenze 2013, pp. 189- 196, ISBN:9788822262769
49 Elisabetta Fadda, Cristo crocefisso, con la Vergine, San Giovanni Evangelista e la Maddalena. In La bellezza inquieta. Arte in Abruzzo al tempo di Margherita d'Austria Umberto Allemandi & c. editore, Torino, 2013 pp. 65- 66, ISBN:9788842221319
50. Elisabetta Fadda - N. Turner, Di un’opera supposta perduta del Correggio: il ‘Giovane che sfugge alla cattura di Cristo’, in “Rivista d’Arte”, 2013, 3 (2014) a. 47, pp. 57 – 76. ISSN: 1122-0732.
51 Elisabetta Fadda, Gli artisti di Ottavio Farnese a Parma nel Palazzo del Giardino, in Le Virtuose adunanze. La cultura accademica tra XVI e XVII secolo. Emblemi, simboli, linguaggi, a cura di G.M. Anselmi, I. Bianchi, C. Gurreri, Edizioni Sinestesie, Avellino in c.d.s;

52 Elisabetta Fadda, 1935: la mostra del Correggio a Parma, in All’origine delle grandi mostre in Italia (1933 – 1940) a cura di M. Folin e M. Toffanello, Mantova ed. Il Rio, in c.d.s.

53 Elisabetta Fadda, Giovanni Lanfranco, in De Giotto à Caravage. La collection Roberto Longhi, catalogo della mostra (Paris, Musée Jacquemart-André 27 mars – 20 juillet 2015) Bruxelles, Fonds Mercator 2015, pp. 140 - 141.

Anno accademico di espletamento: 2019/2020

Anno accademico di espletamento: 2018/2019

Anno accademico di espletamento: 2017/2018

Anno accademico di espletamento: 2016/2017

Anno accademico di espletamento: 2015/2016

Anno accademico di espletamento: 2014/2015

Anno accademico di espletamento: 2013/2014

Docente di riferimento

Ultime pubblicazioni: