Prof.

COMELLI Alberto

Professore di II fascia
Via Università, 12 43121 PARMA
Settore scientifico disciplinare:
DIRITTO TRIBUTARIO (IUS/12)
  • Curriculum Vitae
  • Orario di ricevimento
  • Insegnamenti
  • Incarichi
  • Ricerca

 

 

Curriculum del Prof. Avv. Alberto Comelli

 

 

  1. Formazione

 

Il Prof. Alberto Comelli ha conseguito la laurea in Economia e commercio ed in Giurisprudenza, con lode, rispettivamente presso l’Università degli Studi di Bologna e quella di Camerino. Ha completato un periodo di formazione generale anche mediante la partecipazione a corsi di specializzazione in diritto tributario.

 

  1. Monografia sui poteri e sugli atti nell’imposizione tributaria

 

            Gli studi sull’accertamento tributario sono rifluiti nella monografia, pubblicata nel 2012 nella collana diretta dal Prof. Franco Gallo, avente per titolo: “Poteri e atti nell’imposizione tributaria. Contributo allo studio degli schemi giuridici dell’accertamento”. La ricerca ha approfondito, con una impostazione nuova e innovativa, il tema dei poteri e degli atti, della loro natura e delle loro possibili combinazioni, nell’espletamento della funzione impositiva. Al riguardo, è ampiamente condivisa l’opinione secondo la quale l’accertamento tributario è caratterizzato da non poca ambiguità, sotto molteplici profili. Lo scopo principale della ricerca è stato quello di fare luce su questa ambiguità, vale a dire di comprenderne le ragioni, in considerazione dei principali concetti giuridici sottostanti e, prioritariamente, quelli di potere amministrativo, attività amministrativa e atto (amministrativo, ovvero avente una diversa natura). Questa prospettiva di indagine ha fatto emergere una ricostruzione ad ampio spettro della tematica che ne occupa, la quale è partita da alcuni concetti generali, indispensabili al fine di approfondire le sempre più numerose sfaccettature che caratterizzano il fenomeno in esame. Tra questi, assumono una particolare rilevanza le nozioni di funzione, procedimento, discrezionalità, atti amministrativi, provvedimenti, prove e presunzioni legali. Ma l’analisi svolta non si è arrestata di fronte a questa pur imprescindibile cornice teorica e si è spinta fino ad esaminare come questi concetti si irradiano, sul piano effettuale, in relazione alla determinazione e quantificazione della maggiore base imponibile, della maggiore imposta o del minor credito d’imposta, senza trascurare il fondamentale contributo, a livello interpretativo, fornito dalla giurisprudenza di legittimità.

 

  1. Iniziative scientifiche organizzate nel periodo 2006-2018

 

            Nel periodo 2006-2009, il Prof. Comelli ha organizzato e coordinato, unitamente al Prof. Cesare Glendi, una ricerca, svolta presso l’Università degli Studi di Parma, sulla riforma della disciplina in materia di riscossione dei tributi, cui hanno partecipato alcuni tra i più autorevoli studiosi della materia, tra i quali, i Professori Gaspare Falsitta, Salvatore La Rosa, Massimo Basilavecchia, Sebastiano Maurizio Messina, Mariacarla Giorgetti, Andrea Carinci, oltre a Cesare Glendi. Questo percorso di ricerca ha previsto l’organizzazione di due convegni presso l’Aula Magna dell’Università di Parma che si sono svolti, rispettivamente, prima dell’entrata in vigore della riforma in questione (vale a dire il 30 marzo 2006) ed il secondo quale riscontro dopo un anno dall’entrata in vigore della riforma medesima (precisamente, si è svolto il 18 ottobre 2007).

 

La ricerca in esame ha consentito un approfondimento sistematico di tutte le principali problematiche afferenti alla riscossione delle imposte, dal suo inquadramento nella teoria generale del diritto tributario, fino al ruolo, alla cartella di pagamento, agli accordi e transazioni (nella fase della riscossione) ed all’esecuzione forzata. I contributi di ciascuno dei partecipanti a questa ricerca sono stati pubblicati nel 2010 per i tipi della CEDAM col seguente titolo: “La riscossione dei tributi”. Il prof. Comelli ha scritto un saggio sull’ampliamento dei poteri di indagine riconosciuti agli agenti della riscossione, nel quale ha approfondito anche alcuni profili comparatistici.

 

Tra il primo ed il secondo convegno, ha organizzato un ciclo di conferenze sull’accertamento tributario, che si è svolto (nel periodo marzo – maggio 2007) in Aula Magna dell’Università degli Studi di Parma, al quale hanno partecipato, tra gli altri, i Professori Lorenzo Del Federico, Mauro Beghin e Giuseppe Zizzo.

 

            A completamento del percorso di ricerca sulla riforma della riscossione delle imposte, il Prof. Comelli ha organizzato il secondo ciclo di conferenze in materia tributaria, che si è svolto in tre incontri, rispettivamente sulle “presunzioni tributarie: attualità e prospettive” (l’11 aprile 2008, relatori i Professori Andrea Fedele e Adriano Di Pietro), sulla “fine della tassatività degli atti impugnabili” (il 18 aprile 2008, relatori i Professori Giuliano Tabet e Francesco Tesauro) e sulle “convenzioni internazionali e paradisi fiscali” (il 23 aprile 2008, relatori i Professori Claudio Sacchetto e Giuseppe Zizzo).

 

            Il Prof. Comelli, inoltre, ha organizzato, in collaborazione con l’Università di Teramo, Facoltà di giurisprudenza e, segnatamente, con il Prof. Massimo Basilavecchia, un convegno il cui titolo è il seguente: “l’istruttoria nell’accertamento e nel processo tributario”. La prima sessione, calibrata sull’istruttoria precontenziosa, si è svolta in Aula Magna a Parma il 23 e 24 ottobre 2008, mentre la seconda sessione, sull’istruttoria nel processo tributario, si è svolta a Teramo il 23 aprile 2009.

 

Sono intervenuti nella prima sessione, in qualità di relatori, i seguenti Professori italiani: Franco Gallo (sull’istruttoria nel sistema tributario, quale relazione introduttiva per entrambe le sessioni in cui è articolato il convegno), Salvatore Patti (sull’onere della prova nella teoria generale, con particolare riferimento al diritto tributario), Salvatore La Rosa (sull’istruttoria e sui poteri dell’ente impositore), Marco Miccinesi (sulle informazioni di terzi, in relazione all’istruttoria), Adriano Di Pietro (sul contraddittorio e sull’acquisizione della prova), Cesare Glendi (che ha svolto la relazione di sintesi).

 

Sono state ascoltate le relazioni di due autorevoli studiosi tedeschi, vale a dire Roman Seer (sull’istruttoria precontenziosa nell’ordinamento tedesco) e Joachim Englisch (sull’evoluzione dell’istruttoria endoprocedimentale verso principi unitari a livello europeo). I moderatori di questa sessione del convegno sono stati il Prof. Corrado Magnani ed il Presidente Giovanni Prestipino, mentre il Prof. Comelli ha svolto un intervento programmato sui vizi degli atti istruttori nel prisma della funzione impositiva.

 

Tale ricerca si colloca nella prospettiva di indagare in apicibus sulle interrelazioni (e sulle differenze) tra l’istruttoria endoprocedimentale e l’istruzione probatoria nel processo tributario, sottolineandone i tratti comuni ed i diversi principi applicabili. Tale iniziativa si propone di contribuire ad intensificare il confronto ed il dibattito scientifico con la dottrina tedesca, la quale è molto attenta all’inquadramento sistematico degli istituti e può fornire importanti spunti di riflessione agli studiosi italiani.

 

            Il 22 maggio 2009 ha organizzato, in collaborazione col Prof. Franco Gallo, Giudice della Corte Costituzionale, un convegno presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Parma, per ricordare il contributo scientifico del Prof. Federico Maffezzoni, in relazione all’evoluzione degli studi di diritto tributario. Sono intervenuti, quali relatori, i Professori Gaspare Falsitta (sul concetto di capacità contributiva), Cesare Glendi (sulla prova nel processo tributario), Tulio Raúl Rosembuj Erujimovich (sulla nozione d’imposta), Franco Gallo (sull’imposta sul valore aggiunto) e Andrea Fedele (sul “procedimento d’imposizione”). Il Prof. Comelli ha svolto una relazione sui poteri degli uffici e sugli atti impositivi nella teorica di Federico Maffezzoni. I moderatori del convegno sono stati i Professori Victor Uckmar e Gianni Marongiu.

 

Il 29 ottobre 2009 ha organizzato, in collaborazione col Prof. Augusto Chizzini, un convegno presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Parma al fine di indagare sulle implicazioni delle recenti riforme del codice di procedura civile, in relazione al processo tributario. Dopo i saluti del Magnifico Rettore Prof. Gino Ferretti e del Preside della Facoltà di Giurisprudenza Prof. Laura Pineschi, sono intervenuti, in qualità di relatori, i Professori Giuliano Tabet (sull’incidenza della riforma del processo civile sul processo tributario, quale valutazione d’insieme), Massimo Basilavecchia (sui nuovi profili dell’istruttoria nel processo tributario), Cesare Glendi (sulle prospettive di riforma del processo tributario), Sebastiano Maurizio Messina (sulla nuova disciplina dei termini, tra processo civile e processo tributario), Marino Marinelli (sulla riforma del terzo grado di giudizio, nel processo civile e nel processo tributario) e Claudio Consolo (che ha svolto la relazione conclusiva sul processo tributario, alla luce delle ultime riforme del c.p.c.). Il moderatore del convegno è stato il Dott. Giovanni Prestipino, Presidente della Sezione tributaria della Corte di cassazione.

 

Il 14 aprile 2010 ha coordinato l’organizzazione di un convegno presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Parma sulle problematiche afferenti alla crisi dell’impresa ed alla gestione del credito. Accanto ad una sessione economico-finanziaria, presieduta dal Prof. Luigi Angiello, si è svolta una sessione giuridica, il cui moderatore è stato il Prof. Cesare Glendi. I relatori nel corso di questa sessione sono stati i Professori Marco Miccinesi (che ha svolto un’introduzione sul ruolo del diritto tributario nella crisi d’impresa), Guido Uberto Tedeschi (sulla ristrutturazione del debito e la revocatoria fallimentare), Massimo Montanari (sulla legittimazione ad impugnare gli atti impositivi da parte del fallito), Enrico Gragnoli (sull’impatto del fallimento sui rapporti di lavoro), Mauro Beghin (sulle operazioni di riorganizzazione e di rifinanziamento delle società e delle imprese).

 

Il 31 marzo 2011 ha coordinato l’organizzazione di un convegno presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Parma, avente per titolo: “Oggetto del processo e translatio iurisdictionis”, in occasione del conferimento a Cesare Glendi del titolo di Professore emerito. Oltre alla relazione dello stesso Professore, sono intervenuti il Dott. Paolo Vittoria, Primo presidente aggiunto della Corte di cassazione ed i Professori Massimo Basilavecchia e Marino Marinelli, nonché la Dott.ssa Gina Gioia.

 

Il 18 aprile 2012 ha organizzato un convegno, presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Parma, avente per titolo: “L’istruzione probatoria nel processo civile, amministrativo e tributario”. Le relazioni sono state svolte dai Professori Alberto Romano, con riferimento al processo civile, Massimo Montanari, per il processo fallimentare, Stefania Vasta, con riferimento al processo amministrativo, Cesare Glendi per il processo tributario e Luca Bianchi in relazione al processo civile e a quello tributario nell’ordinamento tedesco.

 

È stato tra promotori del convegno che si è svolto il 13 dicembre 2012, presso l’Aula dei filosofi dell’Università degli Studi di Parma, avente per titolo: “Sussidiarietà tra diritto, economia e società”. Le relazioni sono state svolte dai Professori Giorgio Vittadini, Giorgio Pagliari, Guido Uberto Tedeschi, oltre al Dott. Carlo Soncini, a Mons. James Schianchi e al Dott. Alfredo Alessandrini. Alberto Comelli ha svolto la funzione di moderatore.

 

L’11 gennaio 2013 ha svolto una relazione, avente per titolo: “poteri ed atti nell’imposizione tributaria”, presso il Dottorato di ricerca in diritto degli affari e tributario dell’impresa della LUISS Guido Carli. Ha introdotto e coordinato i lavori il Prof. Franco Gallo e i discussants sono stati i Proff. Massimo Basilavecchia e Livia Salvini.

 

Ha organizzato il convegno che si è svolto l’11 aprile 2013 presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Parma, avente per titolo: “Novità nel giudizio di cassazione nel processo civile e nel processo tributario”. Hanno partecipato, in qualità di relatori, i Professori Alberto Romano e Massimo Montanari, i quali si sono occupati, rispettivamente, dell’art. 360, n. 5) e n. 4) c.p.c., il Consigliere della Corte di cassazione Raffaele Botta, che ha svolto la propria relazione sul giudizio di cassazione nel processo tributario e il Prof. Marino Marinelli, il quale ha approfondito la riassunzione del processo civile e del processo tributario dopo il giudizio di cassazione. Ha svolto la funzione di moderatore del convegno e formulato le relative conclusioni il Prof. Cesare Glendi.

 

In data 9 maggio 2013 ha organizzato un convegno presso l’Aula del Consiglio di Amministrazione dell’Università degli Studi di Parma, avente per titolo: “Novità nella fiscalità dell’UE, con particolare riferimento all’iva”. Hanno partecipato, in qualità di relatori, illustri studiosi, tra i quali la Prof. Livia Salvini (che ha svolto anche la funzione di moderatore), l’Avv. Paolo Centore, i Dottori Carlo Soncini e Pierpaolo Maspes. Il Prof. Alberto Comelli ha svolto una relazione sul progetto di codice europeo del contribuente.

 

In data 24 gennaio 2014 ha organizzato un convegno presso l’Aula dei filosofi dell’Università degli Studi di Parma, avente per titolo: “Il codice del processo tributario”. Dopo i saluti del Magnifico Rettore, Prof. Loris Borghi, hanno partecipato, in qualità di relatori, il Dott. Roberto Piscopo, Presidente del Tribunale di Parma ed i Professori Giorgio Pagliari, Alberto Comelli e Cesare Glendi (il quale ha svolto anche l’attività di moderatore).

 

Il giorno 19 febbraio 2014 ha organizzato un convegno presso il Collegio Europeo di Parma, avente per titolo: “Novità e prospettive dell’IVA nella dimensione europea”. I saluti sono stati formulati dal Prof. Cesare Azzali, Presidente del Collegio Europeo e, tra i relatori, è intervenuto il Dott. Renato Raponi, in rappresentanza della Commissione Europea, Direzione generale per la tassazione e l’unione doganale.

 

In data 7 marzo 2014 ha organizzato un convegno presso il Senato della Repubblica, Sala Capitolare del Chiostro del Convento di Santa Maria sopra Minerva, avente per titolo “Il Codice del processo tributario” (CPT). Sono intervenuti, oltre al Senatore Prof. Giorgio Pagliari, Anna Finocchiaro, Presidente della 1a Commissione permanente (Affari costituzionali) del Senato, Giacomo Caliendo, membro della 2a Commissione permanente (Giustizia) del Senato. Le relazioni sono state svolte dai Professori Cesare Glendi (sui nuovi assetti ordinamentali), Franco Gaetano Scoca (sui rapporti tra il CTP e il codice del processo amministrativo), Augusto Chizzini (sul codice per il processo tributario), Massimo Basilavecchia (sulle azioni esperibili ed i poteri del giudice tributario) e, infine, Alberto Comelli (sulla prova nel CPT). Tutti gli interventi e le relazioni hanno evidenziato, pur con diverse sfumature, non solamente l’opportunità, ma anche la necessità di favorire la finalizzazione del progetto di codice in questione. Sarebbe un’ulteriore tappa fondamentale dell’evoluzione dell’assetto ordinamentale dal contenzioso tributario verso un vero e proprio processo, che, come tale, dovrebbe essere disciplinato, finalmente, da un codice.

 

In data 5 novembre 2014, ha organizzato un convegno presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Parma, avente per titolo: “Discussioni sull’oggetto del processo tributario”, quale seconda sessione di un’iniziativa che ha coinvolto attivamente l’Università degli Studi di Teramo ed il Prof. Massimo Basilavecchia, la cui prima sessione è stata ivi organizzata in data 16 ottobre 2014. L’iniziativa culturale ha promosso una ricerca con l’obiettivo di verificare l’impatto che ha avuto la ricostruzione sistematica del processo tributario ad opera di Cesare Glendi, alla luce della sua fondamentale monografia pubblicata sull’argomento nel 1984, a trent’anni esatti dalla sua pubblicazione. La sessione di Parma ha assunto un taglio non poco interdisciplinare, laddove la discussione ha assunto come parametro di riferimento i tre plessi giurisdizionali domestici, vale a dire quello civile e quello amministrativo, accanto a quello tributario. Sono intervenuti, oltre al Prof. Cesare Glendi, che ha svolto la lectio magistralis (sull’oggetto del processo tributario, trent’anni dopo), i Professori Massimo Basilavecchia, Augusto Chizzini, Marino Marinelli, Aldo Travi e Adriano Benazzi. Il moderatore è stato il Prof. Massimo Montanari. Gli atti di entrambe le sessioni nelle quali si è articolato il convegno sono in corso di pubblicazione, per i tipi della CEDAM.

 

In data 5 marzo 2015 ha organizzato un convegno presso l’Aula dei Filosofi dell’Università degli Studi di Parma, avente per titolo: “Novità e prospettive dell’IVA nella dimensione europea”. Sono intervenuti, tra gli altri, oltre al Prof. Gino Gandolfi (Delegato del Rettore per il sostegno alla nascita di impresa e tutela della proprietà intellettuale), i Professori Livia Salvini (sullo split payment), Massimo Basilavecchia (sulla detrazione tra requisiti sostanziali e formali) e Maurizio Logozzo (sulla rivalsa dell’iva accertata). Il moderatore è stato il Prof. Alberto Comelli, il quale ha svolto anche le conclusioni del convegno.

 

Il 30 giugno 2015 ha organizzato presso il Senato della Repubblica, Sala dell’Istituto Santa Maria in Aquiro, un convegno col titolo: “Verso il Codice del processo tributario”, al quale hanno partecipato numerosi rappresentanti delle Istituzioni coinvolte nella prospettata riforma del processo tributario.

 

In data 23 settembre 2015 ha organizzato un convegno presso l’Aula dei Filosofi dell’Università degli Studi di Parma, col titolo: “Principi fondamentali e garanzie a favore del contribuente”. Hanno partecipato, in qualità di relatori, l’autorevole studioso spagnolo Juan Ignacio Gorospe Oviedo, Ordinario di Derecho Financiero y Tributario presso l’Università CEU San Pablo di Madrid e Andrea Carinci, Ordinario di Diritto Tributario presso l’Università di Bologna.

 

In data 19 aprile 2016 ha organizzato il Sesto convegno annuale sull’IVA, col seguente titolo: Analisi dell’attualità e prospettive di evoluzione, presso l’Aula dei Filosofi dell’Università di Parma. Sono intervenuti, tra gli altri, oltre al Presidente dell’Associazione Italiana dei Professori di Diritto tributario Prof. Mario Nussi, i Professori Livia Salvini (sulla disciplina del reverse charge), Massimo Basilavecchia (sulla detrazione dell’imposta), Maurizio Logozzo (sugli obblighi formali alla luce della recente giurisprudenza). Il moderatore è stato il Prof. Alberto Comelli, il quale ha svolto anche le conclusioni del convegno.

 

            Il 24 novembre 2016 si è svolta presso la Pontifícia Universidade Católica do Rio Grande do Sul, Porto Alegre, Brasile, il XX Convegno di diritto tributario e il III Convegno internazionale dell’Institudo de Estudios Tributários (IET), col titolo: Tributação, Economia e Politica em debate. Il Prof. Alberto Comelli è stato invitato (unico giurista europeo) e ha svolto una relazione in lingua inglese col seguente titolo: The European V.A.T.: a model for tax reform in Brazil?

 

Il 19 dicembre 2016 si è svolto nel plesso di S. Francesco del Dipartimento un convegno organizzato dalla Fondazione dell’Avvocatura di Parma, moderato dal Prof. Cesare Glendi, col seguente titolo: Nuove forme di collaborazione tra Fisco e contribuente. Il Prof. Alberto Comelli ha svolto una relazione col seguente titolo: Tre profili di rilevante impatto ordinamentale: adempimento collaborativo, transazione fiscale e contraddittorio endoprocedimentale.

 

In data 16 marzo 2017 si è svolto un convegno organizzato dall’Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Roma presso l’Abbazia di San Nilo a Grottaferrata (Roma), col seguente titolo: Le frodi carosello. Il Prof. Alberto Comelli ha svolto una relazione intitolata: La prova della frode carosello nella giurisprudenza della Corte di giustizia e della Corte di cassazione.

 

Il giorno 23 marzo 2017 ha organizzato e moderato nell’Aula magna dell’Università di Parma il settimo convegno annuale sull’IVA, avente per titolo: Nuove problematiche e prospettive di evoluzione del sistema. Hanno partecipato, in qualità di relatori, alcuni tra i più autorevoli studiosi dell’iva, a livello italiano, vale a dire la Prof. Livia Salvini, Ordinario di Diritto tributario presso l’Università LUISS Guido Carli, il Prof. Maurizio Logozzo, Ordinario di Diritto tributario presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, l’avv. Paolo Centore, Professore a contratto presso il nostro Ateneo e membro effettivo del VAT Expert Group presso la Commissione europea e il Prof. Fabrizio Amatucci, Ordinario di Diritto tributario presso la Seconda Università di Napoli. La relazione conclusiva è stata svolta dal Prof. Mario Nussi, Presidente dell’Associazione Italiana dei Professori di Diritto Tributario.

 

Il 20 aprile 2017 si è svolto nell’Aula C del Plesso di San Francesco, un convegno sul processo tributario, al quale hanno partecipato, in qualità di relatori il Prof. Cesare Glendi, il Dott. Cesare Lamberti, Presidente della Commissione tributaria regionale dell’Emilia-Romagna, il Prof. Alberto Comelli e l’Avv. Lorenzo Bianchi. La relazione del Prof. Alberto Comelli era intitolata: Il modulo di raccordo tra il processo penale e il processo tributario e la relativa circolazione del materiale probatorio.

 

Il 26 maggio 2017 si è svolto nell’Aula dei Filosofi un convegno, in collaborazione con l’Associazione Magistrati Tributari e col patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Consiglio di Presidenza della Giustizia tributaria, sul tema delle Problematiche fiscali delle imprese. Tra i relatori, sono intervenuti il Prof. Alessandro Giovannini, Ordinario di Diritto tributario presso l’Università di Siena e il Prof. Mauro Beghin, Ordinario di Diritto tributario presso l’Università di Padova. Il Prof. Alberto Comelli ha introdotto i lavori e ha svolto le conclusioni.

 

In data 12 aprile 2018 ha organizzato nell’Aula dei filosofi l’ottavo convegno annuale sull’IVA, col titolo: “nuovi profili dell’imposta, verso una disciplina definitiva”. È stata un’occasione utile per approfondire le più attuali problematiche in materia di IVA, sotto il profilo sia europeo, sia domestico, analizzando la traiettoria evolutiva di questo complesso tributo, nell’ottica di realizzare “uno spazio unico europeo dell’IVA”, alla luce non solamente delle iniziative della Commissione europea, ma anche delle recenti sentenze in materia della Corte di giustizia. Alla stregua della comunicazione della Commissione europea COM(2017) 566 del 4 ottobre 2017, è stata analizzata l’evoluzione verso la disciplina definitiva dell’imposta suddivisa in due tappe, con applicazione del principio di imposizione nello Stato membro di destinazione, con riferimento sia alle cessioni di beni, sia alle prestazioni di servizi. Tra i relatori invitati si segnalano il Prof. Franco Gallo, Presidente Emerito della Corte costituzionale, la Dott.ssa Roberta Grappiolo, la quale lavora presso la Direzione generale della Commissione europea e il Prof. Arthur Maria Ferreira Neto, Professore di Direito Tributário e Direito Constitucional presso la Pontifícia Universidade Católica do Rio Grande do Sul (PUCRS), situata a Porto Alegre (Brasile).

 

Il 26 ottobre 2018 si è svolto nell’Aula magna un convegno, organizzato insieme alla Fondazione Antonio e Victor Uckmar, col titolo: “arte e fisco”. Sono state approfondite una serie di problematiche molto attuali, tra le quali si segnalano le fondazioni, il terzo settore, l’imposizione sul reddito degli artisti nel diritto tributario nazionale e internazionale, le sponsorizzazioni, gli incentivi fiscali alle attività culturali (art bonus, tax credit, ecc.), la conservazione e la donazione di opere d’arte. Tra i relatori si menzionano la Prof. Livia Salvini, Ordinario di Diritto tributario presso l’Università LUISS Guido Carli e il Prof. Dario Stevanato, Ordinario di Diritto tributario presso l’Università di Trieste. La prima ha svolto una relazione sui profili fiscali della conservazione delle opere d’arte nei trust, mentre il secondo ha parlato della tassazione del reddito degli artisti negli altri ordinamenti giuridici. L’introduzione ai lavori del convegno e le conclusioni sono state affidate al Prof. Cesare Glendi, Emerito presso l’Università di Parma.

 

  1. Direzione del Corso di perfezionamento in problematiche fiscali delle imprese nella dimensione europea e internazionale

 

            È il direttore del Corso di perfezionamento in problematiche fiscali delle imprese nella dimensione europea e internazionale, attivato presso l’Ateneo di Parma, la cui prima edizione si è svolta nel 2017. La seconda edizione si sta svolgendo ed è iniziata il 28 settembre 2018.

Il Corso, diviso in due moduli, intende promuovere e favorire lo sviluppo internazionale delle imprese che operano nel territorio, di ogni dimensione e/o settore economico e, con questa prospettiva, offre un percorso di formazione tributaria calibrato sul fenomeno dell’internazionalizzazione, garantendo pienamente il rigore metodologico e scientifico.

 

  1. Network di ricerca

 

È coordinatore di un Network di ricerca, che ha fondato a Parma nel 2008, il quale promuove la ricerca individuale e collettiva: le tematiche oggetto d’indagine si collocano nel settore del diritto tributario europeo e del diritto tributario internazionale. Tra i temi di ricerca si segnalano le prove (tipiche e atipiche), i poteri amministrativi e gli atti impositivi, la riscossione delle imposte, il processo tributario, l’imposta sul valore aggiunto e l’imposizione sul reddito delle imprese. In collaborazione con alcune importanti Università e Centri di ricerca stranieri, il Network svolge una costante attività di ricerca mediante l’organizzazione di periodici seminari e convegni, aperti a studenti, laureandi, dottorandi di ricerca e studiosi, che formano un luogo di incontro, confronto e discussione.

Il metodo d’indagine adottato si proietta oltre la mera esegesi delle norme giuridiche e, superato ogni formalismo interpretativo, si pone l’obiettivo di indagare in modo rigoroso principi e regole che affondano le loro radici nel dato normativo, nella giurisprudenza (specialmente di legittimità) e nella scienza giuridica. Tale metodo valorizza la dimensione sostanziale e processuale del diritto tributario e ne fa emergere la prospettiva evolutiva, in una fase storica caratterizzata dalla crisi della finanza pubblica e dalla conseguente affermazione della pericolosa logica dell’emergenza. Inoltre, il Network di ricerca ha partecipato attivamente a numerose consultazioni in materia fiscale, promosse dalla Commissione europea.

 

  1. Titolarità di corsi all’Università e abilitazione alla prima fascia

 

Parallelamente all’attività di ricerca, Alberto Comelli è stato professore a contratto di diritto tributario presso l’Università degli Studi di Macerata, Facoltà di giurisprudenza, dall’anno accademico 1997/1998 al 2004/2005. Nell’anno 2002 ha vinto all’unanimità il concorso bandito per un posto da professore associato di diritto tributario dall’Università degli Studi di Parma ed è stato chiamato, nel gennaio 2003, dalla Facoltà di giurisprudenza della stessa Università, divenendo titolare della cattedra di Diritto tributario. È stato nominato professore di ruolo di seconda fascia nel gennaio 2005 ed è stata disposta la nomina a professore associato confermato a decorrere dal 31 gennaio 2008. Dall’anno accademico 2012/2013, è titolare del corso di Diritto tributario europeo, istituito presso il Corso di laurea in scienze politiche e delle relazioni internazionali, gestito dal Dipartimento di Giurisprudenza, studi politici e internazionali dell’Università degli Studi di Parma.

 

            Il 16 dicembre 2013 ha ottenuto all’unanimità l’abilitazione scientifica nazionale ai fini della prima fascia per il settore concorsuale 12/D2 (diritto tributario).

 

  1. Progetto di codice tributario e codice del processo tributario

 

Ha partecipato attivamente al progetto di codice tributario, presso il CNEL; coordinato dal Prof. Victor Uckmar, nel periodo 2010-2012. Il progetto è stato approvato in via definitiva dall’Assemblea del CNEL nella seduta del 20 marzo 2013, sotto forma di disegno di legge delega, denominato “delega legislativa al Governo della Repubblica per razionalizzare e codificare l’attuazione e l’accertamento dei tributi e per la revisione delle sanzioni amministrative e del processo tributario”. Ai sensi dell’art. 99 della Costituzione, il disegno di legge delega è stato trasmesso dal Presidente del CNEL ai Presidenti del Senato e della Camera dei Deputati, oltre che al Presidente del Consiglio dei Ministri e al Ministro dell’economia e delle finanze.

 

            È stato tra i promotori del disegno di legge n. 988, presentato al Senato il 1° agosto 2013 (primo firmatario: Prof. Giorgio Pagliari), avente per oggetto il “codice del processo tributario” (CPT). L’iniziativa, come si evince dalla relazione di accompagnamento al d.d.l., scaturisce da una proficua e concreta collaborazione tra l’Università degli Studi di Parma e il Senato. Essa finalizza l’attività di studio e ricerca, in precedenza promossa dal CNEL, che aveva per oggetto le regole generali dell’imposizione e la riscossione, oltre allo stesso processo tributario, la cui proposta di legge-delega non aveva avuto riscontro in sede parlamentare.

            La progettazione di un vero e proprio codice del processo tributario è avvenuta all’interno di un percorso che ha saputo valorizzare ed intercettare la traiettoria evolutiva di questo rito e l’esperienza, in sede di applicazione, maturata con riferimento, da un lato, al codice di procedura civile e, dall’altro lato (e in tempi più recenti), al codice del processo amministrativo. In altre parole, si è ritenuto che fosse ormai giunto il momento di redigere anche per il processo tributario un codice, al pari delle altre giurisdizioni, vale a dire quella civile-penale e quella amministrativa, secondo una prospettiva che colloca, a livello di sistema, le tre giurisdizioni in una posizione di pari dignità e reciproca autonomia, pur con le necessarie specificità che caratterizzano ciascuna di esse, prima di tutto sul versante storico.

 

  1. Progetto di informatizzazione del processo tributario

 

Dal 2010 al 2012 è stato membro della commissione, istituita presso il Ministero dell’Economia e delle finanze, Dipartimento delle finanze, Direzione della giustizia tributaria, che si è occupata del progetto di informatizzazione del processo tributario, in collaborazione con SOGEI, con l’Agenzia delle entrate, col Consiglio di Presidenza della Giustizia Tributaria, con la Commissione tributaria provinciale di Roma e la Commissione tributaria regionale del Lazio.

 

  1. Attività associativa (EATLP e AIDT)

 

È iscritto alla European Association of Tax Law Professors (“EATLP”), con sede ad Amsterdam ed è un membro attivo del gruppo di lavoro italiano. È membro dell’Associazione Italiana fra i Professori di Diritto Tributario (“AIDT”).

 

  1. Attività professionale

 

Esercita la professione forense, quale avvocato cassazionista, a Parma e a Roma ed è iscritto all’Ordine dei Dottori commercialisti e degli esperti contabili di Roma.

 

È presidente dal 2010 della Commissione consultiva sul processo tributario istituita presso quest’ultimo Ordine.

 

  1. Conoscenze linguistiche

 

Ha un’eccellente conoscenza della lingua inglese e di quella spagnola, perfezionata presso l’Università di Malaga ed una conoscenza della lingua francese a livello intermedio.

 

  1. Altre informazioni

 

Collabora stabilmente con alcune tra le principali riviste del settore ed è membro del Comitato di redazione della rivista Diritto e Pratica tributaria.

 

È stato tra i costituenti del Dipartimento di Giurisprudenza, studi politici e internazionali dell’Università degli Studi di Parma.

 

Partecipa al Collegio dei docenti del Corso di Dottorato in Scienze giuridiche, attivato dall’Università di Parma in collaborazione con l’Ateneo di Modena-Reggio Emilia.

 

È stato nominato, con Decreto rettorale n. 3711 del 2013, membro della Commissione di lavoro incaricata di redigere un progetto di revisione del sistema di tassazione, in relazione al diritto allo studio universitario, presso l’Università degli Studi di Parma.

 

Coordina, altresì, le lezioni di diritto tributario presso la Scuola di specializzazione per le professioni legali dell’Università degli Studi di Parma.

 

Inoltre, insegna stabilmente al Master in diritto tributario, contabilità e pianificazione fiscale della LUISS Guido Carli e coordina il modulo sull’imposizione indiretta negli scambi internazionali del Master di secondo livello in pianificazione tributaria internazionale, organizzato dal Dipartimento di Teoria dello Stato dell’Università «Sapienza» di Roma.

 

Dal 2014 al 2016 ha collaborato attivamente col Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, in qualità di componente del Comitato di coordinamento per l’area della fiscalità, oltre che di referente nazionale per il processo tributario.

 

Parma, 22 febbraio 2019

 

                                                                                              Prof. Alberto Comelli

 

 

Elenco delle pubblicazioni

 

 

Monografie:

 

  1. Iva comunitaria e iva nazionale. Contributo allo studio della teoria generale dell’imposta sul valore aggiunto, CEDAM, 2000, 1-1092;

 

  1. Poteri e atti nell’imposizione tributaria. Contributo allo studio degli schemi giuridici dell’accertamento, Cedam, 2012, 1-705;

 

 

 

Contributi in opere collettanee:

 

 

  1. La natura dell’imposta, in L’imposta sul valore aggiunto, Giurisprudenza sistematica di diritto tributario, dir. da F. Tesauro, Torino, 2001, 3-30;

 

  1. L’ampliamento dei poteri di indagine attribuiti agli agenti della riscossione: profili sistematici, in La riscossione dei tributi, a cura di A. Comelli, C. Glendi, CEDAM, 2010, 107-145;

 

  1. Sul contrasto all’utilizzo fiscale della sottocapitalizzazione, in La nuova imposta sul reddito delle società, Atti del convegno di Camerino, 5 dicembre 2003, a cura di Esposito R. e Paparella F., Napoli, 2006, 223 ss.;

 

  1. L’individuazione dei dati e degli elementi rilevanti ai fini dei nuovi accertamenti sintetici, in C. Glendi, V. Uckmar (a cura di), La concentrazione della riscossione nell’accertamento, Atti dei convegni di Sanremo e Brescia, svoltisi rispettivamente il 3-4 giugno ed il 15 luglio 2011, Padova, 2011, 299-320;

 

  1. I servizi marittimi ai fini dell’iva, in AA.VV., Intrecci tra mare e fisco, CEDAM, 2015, Atti del convegno di Nola, 24-25 ottobre 2014, organizzato dalla Fondazione Antonio Uckmar;

 

  1. Profili sistematici della residenza fiscale degli atleti professionisti, ai fini dell’irpef, in AA.VV., Lo sport e il fisco, Atti del convegno di Firenze, 30-31 ottobre 2015, organizzato dalla Fondazione Antonio Uckmar, CEDAM, 2016, 54-61 e 379-381;

 

  1. Rapporti tra procedimento penale e processo tributario, in Diritto penale dell’economia, dir. da A. Cadoppi, S. Canestrari, A. Manna, M. Papa, tomo I, Assago (MI), 2017, 1271-1289;

 

  1. L’applicabilità, alle persone unite civilmente, delle norme di diritto tributario relative al coniuge, coautore con A. Benazzi, in Trattato di diritto di famiglia, dir. da G. Bonilini, vol. V, UTET, 2017, 537-553;

 

  1. Nuovi profili della soggettività passiva, ai fini dell’IVA, in AA.VV., Direitos fundamentais na atualidade, Porto Alegre, Brasile, 2017;

 

  1.  Presentazione, in Nuove problematiche e prospettive di evoluzione del sistema dell’IVA, Atti del convegno di Parma del 23 marzo 2017, a cura di A. Comelli, Roma, 2018, 11-14;

 

  1. Recenti problematiche emerse nell’evoluzione del concetto di soggettività passiva, ai fini dell’iva, in Per un nuovo ordinamento tributario, C. Glendi, G. Corasaniti, C Corrado Oliva, P. de’ Capitani di Vimercate (a cura di), in occasione dei Novant’anni di Diritto e Pratica Tributaria, Milano, 2019, tomo I, 399-428;

 

  1. Riscossione delle imposte, in corso di pubblicazione, in lingua italiana e inglese, nel Bollettino europeo della dottrina tributaria italiana, a cura di L. Del Federico e M. Basilavecchia;

 

  1. Discussioni sull’oggetto del processo tributario: una introduzione, in Autori Vari, Discussioni sull’oggetto del processo tributario, a cura di M. Basilavecchia e A. Comelli, in corso di pubblicazione nella collana fondata da Antonio e Victor Uckmar, per i tipi della CEDAM.

 

 

Curatela di volumi:

 

 

  1. La riscossione dei tributi, a cura di A. Comelli, C. Glendi, CEDAM, 2010;

 

  1. Nuove problematiche e prospettive di evoluzione del sistema dell’IVA, Atti del convegno di Parma del 23 marzo 2017, a cura di A. Comelli, Roma, 2018;

 

  1. Discussioni sull’oggetto del processo tributario, a cura di M. Basilavecchia e A. Comelli, in corso di pubblicazione nella collana fondata da Antonio e Victor Uckmar, per i tipi della CEDAM;

 

 

Contributi in commentari:

 

 

  1. Commento all’art. 1 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, in G. Falsitta, A. Fantozzi, G. Marongiu, F. Moschetti, Commentario breve alle leggi tributarie, tomo IV, a cura di G. Marongiu, Padova, 2011, 3 ss.;

 

  1. Commento all’art. 7 del D.Lgs. 31 dicembre 1992, n. 546, in C. Consolo, C. Glendi, Commentario breve alle leggi del processo tributario, Milanofiori (Assago), 2017, 89-134;

 

 

Contributi in Riviste:

 

 

1)        Osservazioni in tema di criteri di valutazione delle opere pluriennali d’appalto, in Dir. prat. trib., 1993, I, 1722 ss.;

 

2)        La disciplina di attuazione in Italia delle direttive comunitarie attinenti al regime transitorio dell’IVA sugli scambi intracomunitari, in Dir. prat. trib., 1994, I, 1669 ss.;

 

3)        Imposta di registro in caso di abbattimento del capitale sociale per perdite e relativa ricostituzione in misura eccedente rispetto all’importo originario, in Dir. prat. trib., 1994, II, 1059 ss.;

 

4)        Principio della “par condicio” nella disciplina della bolla di accompagnamento, in GT - Riv. giur. trib., 1995, 198 ss.;

 

5)        Il requisito dell’onerosità in relazione alle prestazioni di servizi, in Dir. prat. trib., 1995, II, 228 ss.;

 

6)        Costi erroneamente capitalizzati e plusvalenze iscritte in bilancio, in GT - Riv. giur. trib., 1995, 474 ss.;

 

7)        Effettivo esercizio di attività imprenditoriale e detrazione IVA sugli acquisti, in GT - Riv. giur. trib., 1995, 928 ss.;

 

8)        I “premi fedeltà” in relazione al reddito di lavoro dipendente, in GT - Riv. giur. trib., 1995, 1210 ss.;

 

9)        Il principio della neutralità dell’IVA nell’ipotesi di effettuazione di operazioni esenti, in Riv. dir. trib., 1995, II, 954 ss.;

 

10)      Sul momento di effettuazione delle prestazioni di servizi ai fini dell’iva, in Riv. dir. trib., 1996, II, 214 ss.;

 

11)      Sulla valutazione delle opere pluriennali d’appalto in corso di esecuzione, in GT - Riv. giur. trib., 1996, 489 ss.;

 

12)      Sul diritto al rimborso dell’imposta di registro indebitamente versata, in Riv. dir. trib., 1996, II, 1007 ss.;

 

13)      Sul nesso tra la valutazione delle opere pluriennali d’appalto ed il principio di competenza, in GT - Riv. giur. trib., 1996, 1123 ss.;

 

14)      L’iva quale imposta sul consumo, in Riv. dir. trib., 1996, II, 1136 ss.;

 

15)      La detrazione dell’iva in caso di omessa presentazione della dichiarazione annuale, in GT - Riv. giur. trib., 1997, 713 ss.;

 

16)      Sul trattamento dell’associazione in partecipazione ai fini dell’iva, in Giur. it., 1997, 3, 2, 79 ss.;

 

17)      La “società senza impresa” nella disciplina dell’iva, in GT - Riv. giur. trib., 1997, 877 ss.;

 

18)      Ancora sull’iva quale imposta generale sul consumo, in GT - Riv. giur. trib., 1998, 414 ss.;

 

19)      L’armonizzazione fiscale e lo strumento della direttiva comunitaria in relazione al sistema dell’iva, in Dir. prat. trib., 1998, I, 1590 ss.;

 

20)      L’obbligo di chiedere fattura ai commercianti al minuto in relazione alle caratteristiche del soggetto acquirente, in Rass. trib., 1998, 1660 ss.;

 

21)      Profili sostanziali e processuali dell’erroneo assoggettamento all’iva di un’operazione esclusa, in GT - Riv. giur. trib., 1998, 1068 ss.;

 

22)      Liceità del contratto di “lease-back” e detrazione iva, in GT - Riv. giur. trib., 1998, 1086 e 1087;

 

23)      Non imponibili iva le somme incassate per servizi resi dall’associato in partecipazione, in GT - Riv. giur. trib., 1999, 106 ss.;

 

24)      Assoggettato a Irpef il premio fedeltà corrisposto ai dipendenti, in Corr. trib., 1999, 2145 ss.;

 

25)      La restituzione dell’iva versata e non dovuta e variazioni dell’imponibile o dell’imposta, in GT - Riv. giur. trib., 2000, 483 ss.;

 

26)      “Inerenza” ai fini dell’iva e onere della prova, in GT - Riv. giur. trib., 2000, 584 ss.;

 

27)       Non decade dal diritto alla detrazione iva chi effettua solo operazioni esenti, in GT - Riv. giur. trib., 2000, 777 e 778;

 

28)       Sull’onere della prova ai fini della detrazione dell’iva, in GT – Riv. giur. trib., 2000, 991 ss.;

 

29)      Il rimborso dell’iva versata e non dovuta, in Corr. trib., 2000, 3282 ss.;

 

30)       Sulla illegittimità costituzionale della limitazione dell’onere probatorio alla sola prova documentale, in Rass. trib., 2000, 1545 ss.;

 

31)       La Corte di giustizia ribadisce le caratteristiche fondamentali del sistema dell’iva, in Riv. dir. trib., 2000, III, 172 ss.;

 

32)      La disciplina dell'interpello: dall’art. 21 della L. n. 413/1991 allo Statuto dei diritti del contribuente, in Dir. prat. trib., 2001, I, 605 ss.

 

33)       Rimborso dell’imposta a favore del consumatore finale, in Corr. trib., 2001, 2351 ss.;

 

34)       Detrazione e rimborso dell’iva per i soggetti che vendono al pubblico giornali, periodici e libri, in GT – Riv. giur. trib., 2001, 1095 ss.;

 

35)       Giurisdizione delle controversie sui rimborsi infrannuali iva, in Corr. trib., 2001, 2677 ss.;

 

36)      Il concetto di attività propria dell’impresa, in Corr. trib., 2001, 3559 ss.;

 

37)       Quando il datore di lavoro non può detrarre l’iva sulle indennità ai dipendenti, in Corr. trib., 2002, 532 ss.;

 

38)       Ulteriori precisazioni della Corte di giustizia sul rimborso dell’iva, in Riv. dir. trib., 2002, III, 10 ss.;

 

39)       Brevi riflessioni sull’onere della prova nel processo tributario, in GT – Riv. giur. trib., 2002, 528 ss.;

 

40)       Gli accertamenti bancari nei confronti di terzi rispetto al soggetto verificato, in Corr. trib., 2003, 1160 ss.;

 

41)       Sul requisito dell’onerosità delle operazioni soggette all’iva, in Riv. dir. trib., 2003, III, 85 ss.;

 

  1. Sul contrasto all’utilizzo fiscale della sottocapitalizzazione, in Dir. prat. trib., 2004, I, 249 ss.;

 

  1. Il redditometro è incostituzionale?, in Dir. prat. trib., 2004, II, 1483 ss.;

 

  1. Autorizzazione agli accessi domiciliari, inviolabilità del domicilio e vizi degli atti istruttori, in GT – Riv. giur. trib., 2005, 375 ss.;

 

  1. L’accertamento bancario tra principio di eguaglianza e principio di capacità contributiva, in GT – Riv. giur. trib., 2005, 805 ss.;

 

  1. Brevi considerazioni in apicibus sul redditometro tra irretroattività delle norme tributarie, principio della certezza giuridica e (il)legittimità costituzionale, in Dir. prat. trib., 2005, II, 485 ss.;

 

  1. Sulla non condivisibile tesi secondo cui l’accertamento tributario si identifica sempre in un procedimento amministrativo, in Dir. prat. trib., 2006, II, 731 ss.;

 

  1. L’esercizio di impresa quale elemento soggettivo della sfera di applicazione dell’imposta sul valore aggiunto, in Dir. prat. trib., 2007, I, 683 ss.;

 

  1. Poteri degli uffici ed atti impositivi: la teorica di Federico Maffezzoni, in Rass. trib., 2/2010, 373 ss.;

 

  1. Attuazione «in due fasi» del processo tributario telematico, in Corr. trib.,             n. 31/2011, 2506 ss.;

 

  1. Maggiore responsabilizzazione degli Uffici tributari e notifica degli «atti             impoesattivi», in Corr. trib., n. 33/2011, 2696 ss.;

 

  1. Conferme sull’efficacia presuntiva delle differenze inventariali e della             documentazione extracontabile, in Corr. trib., n. 12/2012, 874 ss.;

 

  1. È impugnabile il diniego opposto all’istanza di interpello cd.       disapplicativo?, in GT – Riv. giur. trib., 2012, 789-796;

 

  1. L’abuso del processo, con particolare riferimento al processo          tributario, in Dir. prat. trib., 2012, I, 755-783;

 

  1. Le dichiarazioni di terzi sono elementi indiziari liberamente valutabili      dal giudice tributario, in Corr. trib., 2013, 637-644;

 

  1. Spunti di riflessione sul sistema fiscale romano, con particolare     riferimento all’accertamento ed alla riscossione, in Dir. prat. trib.,    2013, I, 1-49;

 

  1. Processo tributario telematico più vicino al traguardo della concreta       implementazione, in Corr. trib., 2013, 3033-3037;

 

  1. Impugnabile il diniego della revoca dell’istanza di rimborso IVA, in           Corr. trib., 2014, 629-633;

 

  1. Il giudice tributario deve valutare con «particolare rigore» la prova del     danno da svalutazione monetaria, in Corr. trib., 2014, 867-872;

 

  1. I rapporti, sotto il profilo dell’IVA, tra stabile organizzazione, casa            madre e terzi, in Dir. prat. trib., 2014, I, 700-718;

 

  1. Valenza probatoria delle dichiarazioni rese da terzi nel processo     tributario, in Corr. trib., 2014, 2957-2961;

 

  1. Impugnabilità del diniego di rimborso di un credito d’imposta        evidenziato nella dichiarazione, in Corr. trib., 2014, 3751-3754;

 

  1. La discutibile impugnazione facoltativa degli atti d’intimazione di pagamento, in GT – Riv. giur. trib., 2015, 495-500;

 

  1. La legittimazione ad impugnare la (nuova) rendita catastale da parte di     un Comune, in Corr. trib., 2015, 4073-4078;

 

  1. Responsabilità processuale aggravata per l’agente della riscossione che    ha agito con colpa grave, in Corr. trib., 2016, 865-870;

 

  1. I poteri istruttori delle Commissioni tributarie e i “limiti dei fatti dedotti” e contestati dalle parti, in Corr. trib., 2016, 1797-1801;

 

  1. Relazione di stima di un immobile, consulenza tecnica e parità delle

parti nel processo tributario, in GT – Riv. giur. trib., 2016, 881-886;

 

  1. Requisiti ed efficacia della consulenza tecnica nel processo tributario, in Corr. trib., 2016, 2852-2859;

 

  1. Disconoscimento formale del credito IVA in caso di omessa dichiarazione relativa all’anno d’imposta precedente, in GT – Riv. giur. trib., 2017, 9-14;

 

  1. L’efficacia della sentenza penale nel processo tributario e l’autonoma valutazione degli elementi probatori, in Corr. trib., 2017, 1983-1988;

 

  1. Atto di recupero di un credito e condanna d’ufficio in via equitativa per responsabilità aggravata, in GT – Riv. giur. trib., 2017, 633-638;

 

  1. L’armonizzazione (e il ravvicinamento) fiscale tra lo “spazio unico europeo dell’IVA”, la direttiva del Consiglio “contro le pratiche di elusione fiscale” e l’abuso del diritto, in Dir. prat. trib., 2018, I, 1397 ss.;

 

  1. Ristrutturazione di immobili utilizzati in locazione e detrazione dell’IVA: inutile rimessione alle Sezioni Unite e dissonanza rispetto alla Corte di Giustizia, in corso di pubblicazione su GT – Riv. giur. trib., 2018.

 

Il Docente ricevce il venerdì dalle 11,30 alle 12,30. Se lo Studente non  è disponibile in tale orario, può concordare col Docente un apputamento inviando una mail all'indirizzo: alberto.comelli@unipr.it

Anno accademico di espletamento: 2019/2020

Anno accademico di espletamento: 2018/2019

Anno accademico di espletamento: 2017/2018

Anno accademico di espletamento: 2016/2017

Anno accademico di espletamento: 2015/2016

Docente di riferimento

Contatti

Telefono
034225