Per richiedere la tesi è opportuno mandare via mail una idea o proposta attinente alle mie discipline, corredata da una minima bibliografia di riferimento. In sede di colloquio verrà precisato il tema e le fonti necessarie.
RACCOMANDAZIONI:
1) La proposta deve essere ben delimitata nel tempo e nello spazio (evitare proposte che coprano più secoli o più nazioni), indicando con chiarezza il tema (oppure l'autore) e il contesto storico-geografico e sociale che si intende studiare. NON si daranno tesi, in particolare triennali, su autori ben noti su cui esista già una vasta bibliografia di riferimento (Montessori, Don Milani, Dewey etc..) tranne in casi eccezionali in cui sia possibile intuire la possibilità di uno sviluppo del tutto originale.
2) Il docente può seguirvi meglio se la tesi si attesta su argomenti anche lontanamente affini alle sue esperienze di ricerca. Un'occhiata alle varie bibliografie dei miei esami può essere utile per farsi un'idea dei periodi, dei temi e dei tipi di testo su cui ho più competenze. Si ricorda tuttavia che la tesi non può ricalcare un corso e che non si possono riciclare gli appunti dei corsi ai fini della tesi; NON sono materiali validi, in ogni caso, siti web non scientifici, riassunti di libri, testi o ricerche scolastiche.
3) Si rammenta che la tesi (triennale) va richiesta almeno TRE mesi prima della data ultima per la consegna dell'elaborato. Una tesi magistrale va chiesta almeno SEI mesi prima, ma è preferibile all'inizio del proprio ultimo anno di studi. La stessa cosa vale per chi si ripresenta dopo mesi di silenzio per riprendere il lavoro di tesi. 

Alleghiamo qui un file Excel, a cura della tirocinante Beatrice Savoia, che contiene i link a parecchie fonti di ambito storico-educativo reperibili sul web (Google Books).
Grazie!